Estrarre i dati

Le estrazioni sono sottoinsiemi di dati che puoi utilizzare per migliorare le prestazioni o utilizzare le funzionalità di Tableau non disponibili o supportate per i dati originali. Quando crei un'estrazione dei tuoi dati, puoi ridurre la quantità totale di dati utilizzando filtri e configurando altri limiti. Dopo aver creato un'estrazione, puoi aggiornarla con i dati dei dati originali. Quando aggiorni i dati, puoi eseguire un aggiornamento completo, che sostituisce tutto il contenuto dell'estrazione, oppure un aggiornamento incrementale, che aggiunge solo le righe nuove rispetto all'ultimo aggiornamento.

Le estrazioni sono utili per diversi motivi:

  • Supportano set di dati di grandi dimensioni: puoi creare estrazioni con miliardi di righe di dati.

  • Si creano rapidamente: se utilizzi set di dati di grandi dimensioni, creare e usare estrazioni ti permette di lavorare più rapidamente rispetto ai dati originali.

  • Aiutano a migliorare le prestazioni: quando interagisci con viste che utilizzano origini dati di estrazione, in genere le prestazioni sono migliori rispetto alle viste collegate ai dati originali.

  • Supportano funzionalità aggiuntive: le estrazioni ti permettono di usare le funzionalità di Tableau non disponibili o supportate dai dati originali, ad esempio la possibilità di elaborare il conteggio dei valori univoci.

  • Consentono di accedere ai dati offline: le estrazioni ti permettono di salvare e usare i dati in locale se i dati originali non sono disponibili. Ad esempio, quando devi lavorare mentre viaggi.

Ultime modifiche alle estrazioni

Con l'introduzione delle tabelle logiche e fisiche nel modello di dati di Tableau nella versione 2020.2, le opzioni di archiviazione delle estrazioni sono state modificate da Tabella singola e Tabelle multiple a Tabelle logiche e Tabelle fisiche. Queste opzioni descrivono meglio come verranno archiviate le estrazioni. Per maggiori informazioni, consulta Decidere come archiviare i dati dell'estrazione.

A partire dalla versione 10.5, per le nuove estrazioni viene utilizzato il formato .hyper. Il formato .hyper sfrutta il motore dati migliorato, che supporta prestazioni analitiche e di query più veloci per set di dati più grandi.

Allo stesso modo, quando viene eseguita un'attività correlata alle estrazioni su un file .tde con la versione 10.5 o successiva, viene eseguito l'upgrade dell'estrazione al formato .hyper. Quando un'estrazione .tde viene aggiornata al formato .hyper, non può essere riportata al formato .tde. Per maggiori informazioni, consulta Upgrade delle estrazioni al formato .hyper.

Modifiche ai valori e agli indicatori nella vista

Per migliorare l'efficienza e la scalabilità delle estrazioni, i valori possono essere elaborati in modo diverso nelle versioni 10.5 e successive rispetto alla versione 10.4 e precedenti. Le modifiche al modo in cui i valori vengono calcolati possono influire sul modo in cui vengono popolati gli indicatori nella vista. In rari casi, le modifiche possono causare variazioni nella forma della vista o renderla vuota. Queste modifiche possono inoltre essere applicate a origini dati con più connessioni, che utilizzano connessioni live a dati su file, collegate a dati su Google Sheets, su cloud, origini dati di sola estrazione e WDC.

Nelle prossime sezioni sono presentate alcune delle differenze che potresti notare nella vista se utilizzi la versione 2020.3.

Formato dei valori di data e ora

Nelle versioni 10.5 e successive, le estrazioni sono soggette a regole più coerenti e rigorose sull'interpretazione delle stringhe di data tramite le funzioni DATE, DATETIME e DATEPARSE. Ciò influisce sulla modalità di analisi delle date oppure sui formati e sui modelli di data consentiti per tali funzioni. Più precisamente, le regole prevedono quanto segue:

  1. Le date vengono valutate e quindi analizzate in base alla colonna, non alla riga.
  2. Le date vengono valutate e quindi analizzate in base alle impostazioni locali con le quali è stata creata la cartella di lavoro, non alle impostazioni locali del computer con il quale si apre la cartella di lavoro.

Queste nuove regole rendono le estrazioni più efficaci e consentono di ottenere risultati coerenti con i database commerciali.

A causa di queste regole, in particolare negli scenari internazionali in cui la cartella di lavoro viene creata con impostazioni locali diverse da quelle usate per l'apertura della cartella di lavoro o da quelle del server in cui è stata pubblicata, potresti tuttavia notare che 1) i valori di data e data/ora cambiano, oppure che 2) i valori di data e data/ora diventano Null. Se i valori data e data/ora diventano diversi o Null, spesso sono presenti problemi nei dati sottostanti.

Di seguito sono riportate alcune cause comuni delle modifiche a data e data/ora nei dati delle estrazioni quando si usa la versione 10.5 o una versione successiva.

Cause comuni delle modifiche ai valori di data e data/ora

Cause comuni di valori Null

  • Quando una funzione deve analizzare più formati di data in una singola colonna. Se la data è ambigua e può essere interpretata in diversi modi, verrà interpretata in base al formato che Tableau ha stabilito per tale colonna. Per degli esempi, consulta lo Scenario di data 1 e lo Scenario di data 2 di seguito.
  • Quando una funzione deve analizzare un formato YYYY-MM-DD (ISO). Per un esempio, consulta Scenario di data 3.
  • Quando una funzione non dispone di informazioni sufficienti per ricavare l'ora, può interpretare un valore come "00:00:00.0", utilizzando "0" per ore, minuti, secondi e millisecondi.
  • Quando una funzione non dispone di informazioni sufficienti per ricavare il giorno, può interpretare un valore come "1" o "Gennaio" per il mese.
  • Quando una funzione analizza gli anni, viene interpretata come segue:
    • L'anno "07" viene interpretato come "2007".
    • L'anno "17" viene interpretato come "2017".
    • L'anno "30" viene interpretato come "2030".
    • L'anno "69" viene interpretato come "2069".
    • L'anno "70" viene interpretato come "1970".
  • Quando una funzione deve analizzare più formati di data in una singola colonna. Una volta determinato il formato della data, tutte le altre date della colonna che utilizzano un altro formato diventano valori Null. Per degli esempi, consulta lo Scenario di data 1 e lo Scenario di data 2 di seguito.
  • Quando una funzione deve analizzare un formato YYYY-MM-DD (ISO). I valori che superano i valori consentiti per "YYYY" o "MM" o "DD" provocano valori Null. Per un esempio, consulta Scenario di data 3.
  • Quando una funzione deve analizzare i valori di data contenenti caratteri finali. Ad esempio, i suffissi e le parole chiave di fuso orario e ora legale, ad esempio "mezzanotte", generano valori Null.
  • Quando una funzione deve analizzare una data o un'ora non valida. Ad esempio, 32/3/2012 causa un valore Null. Un altro esempio: 25:01:61 causa un valore Null.
  • Quando una funzione deve analizzare input contraddittori. Ad esempio, supponiamo che il modello sia 'dd.MM (MMMM) y' e che la stringa di input sia '1.09 (agosto) 2017', dove sia "9" che "Agosto" sono mesi. Il risultato è un valore Null perché i valori del mese non sono uguali.
  • Quando una funzione deve analizzare i modelli contraddittori. Ad esempio, un modello che specifica una combinazione di anno gregoriano (y) e settimana ISO (ww) causa valori Null.
Scenario di data 1

Supponiamo di avere una cartella di lavoro creata con impostazioni locali inglesi che utilizzano un'origine dati di estrazione in formato .tde. La tabella seguente mostra una colonna di dati di stringa contenuti nell'origine dati di estrazione.

31/10/2018
31/10/2018

10/12/2018

In base alla particolare impostazione locale inglese, il formato della colonna data è stato determinato in modo da seguire il formato MDY (mese, giorno e anno). Nelle tabelle seguenti vengono mostrati gli elementi visualizzati in Tableau in base a queste impostazioni locali se usi la funzione DATA per convertire valori di stringa in valori di data.

October 31, 2018
October 31, 2018
December 10, 2018

Se apri l'estrazione con le impostazioni locali tedesche, viene visualizzato quanto segue:

31 Oktober 2018
31 Oktober 2018
12 Oktober 2018

Tuttavia, se apri l'estrazione con le impostazioni locali tedesche usando la versione 10.5 e successive, il formato DMY (giorno, mese e anno) delle impostazioni locali tedesche viene applicato in modo rigoroso e causa un valore Null in quanto uno dei valori non rispetta il formato DMY.

NULL
October 31, 2018
October 12, 2018
Scenario di data 2

Supponiamo di aver creato un'altra cartella di lavoro creata con impostazioni locali inglesi che utilizzano un'origine dati di estrazione in formato .tde. La tabella seguente mostra una colonna di date numeriche contenute nell'origine dati di estrazione.

1112018
1212018
1312018
1412018

In base alla particolare impostazione locale inglese, il formato della colonna data è stato determinato in modo da seguire il formato MDY (mese, giorno e anno). Nelle tabelle seguenti vengono mostrati gli elementi visualizzati in Tableau in base a queste impostazioni locali se usi la funzione DATE per convertire i valori numerici in valori di data.

01/11/2018
01/12/2018
NULL
NULL
Scenario di data 3

Supponiamo di avere di una cartella di lavoro che utilizza un'origine dati di estrazione in formato .tde. La tabella seguente mostra una colonna di dati di stringa contenuti nell'origine dati di estrazione.

31/10/2018
31/10/2018

10/12/2018

12/10/2018

Poiché la data utilizza il formato ISO, la colonna della data utilizza sempre il formato YYYY-MM-DD. Nelle tabelle seguenti vengono mostrati gli elementi visualizzati in Tableau se usi la funzione DATE per convertire i valori di stringa in valori di data.

October 10, 2018
NULL
December 10, 2018
October 12, 2018

Nota: nella versione 10.4 e nelle versioni precedenti, il formato ISO e altri formati di data potrebbero produrre risultati diversi a seconda delle impostazioni locali utilizzate nella posizione di creazione. Con impostazioni locali inglesi, ad esempio, sia 2018-12-10 che 2018/12/10 potrebbero produrre 12 dicembre 2018. Tuttavia, con impostazioni locali tedesche, 2018-12-10 potrebbe produrre 12 dicembre 2018 e 2018/12/10 potrebbe produrre 12 Ottobre 2018.

Ordinamento e distinzione tra maiuscole e minuscole

Le estrazioni supportano le regole di confronto, pertanto possono ordinare in modo più appropriato i valori di stringa con accenti o che utilizzano in modo diverso maiuscole e minuscole.

Supponiamo ad esempio di avere una tabella di valori di stringa. Per quanto riguarda l'ordinamento, ciò significa che un valore di stringa come Égypte ora viene elencato correttamente dopo Estonie e prima di Fidji.

Informazioni sui dati di Excel: 

Per quanto riguarda maiuscole e minuscole, ciò significa che la modalità di archiviazione dei valori da parte di Tableau è cambiata tra la versione 10.4 (e precedenti) e la versione 10.5 (e successive). Le regole per l'ordinamento e il confronto dei valori, invece, non sono cambiate. Nella versione 10.4 (e precedenti), i valori di stringa come "House", "HOUSE" e "houSe" vengono considerati allo stesso modo e archiviati con un unico valore rappresentativo. Nella versione 10.5 (e successive) gli stessi valori di stringa vengono considerati in modo univoco e pertanto archiviati come singoli valori. Per maggiori informazioni, consulta Modifiche alla modalità di calcolo dei valori.

Interruzioni nelle query con numero di risultati principali

Quando una query con numero di risultati principali nell'estrazione produce valori duplicati per una posizione specifica in una classificazione, la posizione in cui si interrompe la classificazione può essere diversa se utilizzi la versione 10.5 e successive. Supponiamo ad esempio di creare un filtro per i primi 3. Le posizioni 3, 4 e 5 hanno gli stessi valori. Se usi la versione 10.4 o una versione precedente, il filtro dei risultati principali può restituire le posizioni 1, 2 e 3. Se tuttavia usi la versione 10.5 e successive, il filtro dei risultati principali può restituire le posizioni 1, 2 e 5.

Precisione dei valori a virgola mobile

Le estrazioni sfruttano meglio le risorse hardware disponibili in un computer e quindi sono in grado di eseguire operazioni matematiche con un livello di parallelismo molto alto. Per questo motivo, i numeri reali possono essere aggregati in base a estrazioni .hyper con un ordine diverso. Quando i numeri vengono aggregati in ordine diverso, potresti vedere valori diversi nella vista dopo il punto decimale ogni volta che l'aggregazione viene calcolata. Questo perché l'aggiunta della virgola mobile e la moltiplicazione non sono necessariamente associative. Vale a dire, (a + b) + c non corrisponde necessariamente ad a + (b + c). Inoltre, i numeri reali possono essere aggregati in base a un ordine diverso, poiché la moltiplicazione a virgola mobile non è necessariamente distributiva. Ciò significa che (a x b) x c non corrisponde necessariamente a x b x c. Questo tipo di comportamento di arrotondamento a virgola mobile nelle estrazioni .hyper è simile all'arrotondamento mobile nei database commerciali.

Supponiamo ad esempio che la cartella di lavoro contenga un filtro del dispositivo di scorrimento in un campo aggregato comprendente valori con virgola mobile. Poiché la precisione dei valori a virgola mobile è stata modificata, il filtro potrebbe ora escludere un indicatore che definisce il limite superiore o inferiore dell'intervallo di filtro. L'assenza di questi numeri può causare una vista vuota. Per risolvere il problema, sposta il dispositivo di scorrimento sul filtro o rimuovi e aggiungi di nuovo il filtro.

Accuratezza delle aggregazioni

Le estrazioni sono ottimizzate per insiemi di dati di grandi dimensioni sfruttando al meglio le risorse hardware disponibili in un computer, pertanto sono in grado di calcolare le aggregazioni con un livello di parallelismo molto alto. Per questo motivo, le aggregazioni eseguite da estrazioni .hyper possono essere più simili ai risultati ottenuti dai database commerciali, più che ai risultati ottenuti da software di calcolo statistico. Se utilizzi un set di dati ridotto o hai bisogno di un livello di precisione più alto, puoi eseguire le aggregazioni tramite linee di riferimento, statistiche della scheda di riepilogo o funzioni di calcolo della tabella come varianza, deviazione standard, correlazione o covarianza.

Informazioni sull'opzione Esegui il computo dei calcoli ora

Se l'opzione Esegui il computo dei calcoli ora è stata utilizzata in un'estrazione .tde con una versione precedente di Tableau Desktop, alcuni campi calcolati sono stati materializzati, quindi calcolati in anticipo e memorizzati nell'estrazione. Se aggiorni l'estrazione da .tde a .hyper, i calcoli precedentemente materializzati nell'estrazione non vengono inclusi. Devi utilizzare nuovamente l'opzione Esegui il computo dei calcoli ora per essere sicuro che i calcoli materializzati siano inclusi nell'estrazione dopo l'aggiornamento. Per maggiori informazioni, consulta Materializzare i calcoli nelle estrazioni.

Nuova API di estrazione

Puoi utilizzare l'API di estrazione 2.0 per creare estrazioni .hyper. Per le attività precedentemente eseguite utilizzando l'SDK di Tableau, come la pubblicazione di estrazioni, puoi utilizzare l'API REST di Tableau Server o la libreria Tableau Server Client (Python). Per le attività di aggiornamento, puoi usare anche l'API REST di Tableau Server. Per maggiori informazioni, consulta API Hyper di Tableau.

Creare un'estrazione

Anche se sono disponibili diverse opzioni nel flusso di lavoro di Tableau per la creazione di estrazioni, il metodo principale è descritto di seguito.

  1. Dopo aver eseguito la connessione ai dati e aver configurato l'origine dati nella pagina Origine dati, nell'angolo in alto a destra seleziona Estrai, quindi fai clic sul collegamento Modifica per aprire la finestra di dialogo Estrai dati.

  2. (Facoltativo) Configura una o più delle seguenti opzioni per indicare come Tableau deve archiviare, definire filtri e limitare la quantità di dati nell'estrazione:

    • Decidere come archiviare i dati dell'estrazione

      Puoi scegliere di archiviare i dati dell'estrazione utilizzando due strutture (schemi): tabelle logiche (schema denormalizzato) o tabelle fisiche (schema normalizzato). Per maggiori informazioni sulle tabelle logiche e fisiche, consulta Modello di dati di Tableau.

      Puoi scegliere l'opzione più adatta alle tue esigenze.

      • Tabelle logiche

        Archiviano i dati utilizzando una tabella di estrazione per ogni tabella logica nell'origine dati. Le tabelle fisiche che definiscono una tabella logica vengono unite e archiviate con tale tabella logica. Ad esempio, se un'origine dati è costituita da una singola tabella logica, i dati verranno archiviati in una singola tabella. Se un'origine dati è costituita da tre tabelle logiche (ognuna contenente più tabelle fisiche), i dati delle estrazioni verranno archiviati in tre tabelle, una per ogni tabella logica.

        Seleziona Tabelle logiche quando desideri limitare la quantità di dati nell'estrazione con proprietà di estrazione aggiuntive come filtri di estrazione, aggregazione, Primi N o altre funzionalità che richiedono dati denormalizzati. Usa questa opzione anche quando i dati utilizzano funzioni pass-through (RAWSQL). Questa è la struttura predefinita che Tableau usa per archiviare i dati delle estrazioni. Se utilizzi questa opzione per estrazioni che contengono join, i join vengono applicati al momento della creazione dell'estrazione.

      • Tabelle fisiche

        Archiviano i dati utilizzando una tabella di estrazione per ogni tabella fisica nell'origine dati.

        Seleziona Tabelle fisiche se l'estrazione contiene tabelle combinate con uno o più join di uguaglianza e soddisfa le Condizioni per l'utilizzo dell'opzione Tabelle fisiche riportate di seguito. Se utilizzi questa opzione, i join vengono eseguiti al momento della query.

        Questa opzione può migliorare le prestazioni e ridurre le dimensioni del file di estrazione. Per maggiori informazioni su come usare l'opzione Tabelle fisiche, consulta Suggerimenti per l'utilizzo dell'opzione Tabelle fisiche. In alcuni casi, puoi utilizzare questa opzione anche come soluzione alternativa per la sicurezza a livello di riga. Per maggiori informazioni sulla sicurezza a livello di riga in Tableau, consulta Limitare l'accesso a livello di riga di dati.

        Condizioni per l'utilizzo dell'opzione Tabelle fisiche

        Per archiviare l'estrazione con l'opzione Tabelle fisiche, i dati dell'estrazione devono soddisfare tutte le condizioni elencate di seguito.

        • Tutti i join tra tabelle fisiche sono join di uguaglianza (=)
        • I tipi di dati delle colonne utilizzate per le relazioni o i join sono identici
        • Non sono utilizzate funzioni pass-through (RAWSQL)
        • Non sono configurati aggiornamenti incrementali
        • Non sono configurati filtri per le estrazioni
        • Non sono configurati numeri di risultati principali o campionamenti

        Quando l'estrazione è archiviata come tabelle fisiche, non puoi accodare dati. Per le tabelle logiche, non puoi aggiungere dati a estrazioni con più di una tabella logica.

      Nota: le opzioni Tabelle logiche e Tabelle fisiche condizionano solo il modo in cui i dati dell'estrazione vengono archiviati. Le opzioni non influiscono sul modo in cui le tabelle dell'estrazione vengono visualizzate nella pagina Origine dati.

      Supponi, ad esempio, che l'estrazione sia costituita da una tabella logica contenente tre tabelle fisiche. Se apri direttamente il file di estrazione (.hyper) configurato in modo da usare l'opzione predefinita Tabelle logiche, nella pagina Origine dati vedrai una sola tabella. Se invece apri l'estrazione usando il file compresso dell'origine dati (.tdsx) o quello dell'origine dati (.tdsx) con il file .hyper dell'estrazione corrispondente, nella pagina Origine dati vedrai tutte e tre le tabelle che compongono l'estrazione.

    • Determinare la quantità di dati da estrarre 

      Fai clic su Aggiungi per definire uno o più filtri per limitare la quantità di dati da estrarre in base ai campi e ai relativi valori.

    • Aggregare i dati dell'estrazione 

      Seleziona Aggrega dati per dimensioni visibili per aggregare le misure utilizzando l'aggregazione predefinita. Aggregare i dati consente di consolidare le righe, ridurre le dimensioni del file di estrazione e migliorare le prestazioni.

      Se scegli di aggregare i dati, puoi anche selezionare Riporta le date a scegliendo tra Anno, Mese, ecc. Di seguito sono riportati alcuni esempi del modo in cui i dati vengono estratti in base all'opzione di aggregazione scelta.

      Dati originali Ciascun record viene visualizzato in una riga distinta. Nei dati sono presenti sette righe.
      Aggrega dati per dimensioni visibili

      (non riportare)

      I record con la stessa data e regione vengono aggregati in una singola riga. Nell'estrazione sono presenti cinque righe.
      Aggrega dati per dimensioni visibili
      (riporta le date a Mese)
      Le date vengono riportate al livello Mese e i record con la stessa regione vengono aggregati in un'unica riga. Nell'estrazione sono presenti tre righe.
    • Scegliere le righe da estrarre

      Seleziona il numero di righe che vuoi estrarre.

      Puoi estrarre Tutte le righe o le righe del numero di risultati principali. Tableau prima applica eventuali filtri e l'aggregazione, quindi estrae il numero di righe dai risultati filtrati e aggregati. Il numero di opzioni di riga dipende dal tipo di origine dati dalla quale esegui l'estrazione.

      Note:

      • Non tutte le origini dati supportano il campionamento. Pertanto, nella finestra di dialogo Estrai dati, l'opzione Campionamento potrebbe non essere disponibile.

      • Tutti i campi che nascondi nella pagina Origine dati o nella scheda del foglio vengono esclusi dall'estrazione. Fai clic sul pulsante Nascondi tutti i campi inutilizzati per rimuovere i campi nascosti dall'estrazione.

  3. Al termine, fai clic su OK.

  4. Fai clic sulla scheda del foglio. Quando fai clic sulla scheda del foglio, viene avviata la creazione dell'estrazione.

  5. Nella finestra di dialogo successiva, seleziona la posizione in cui salvare l'estrazione, assegna un nome al file di estrazione, quindi fai clic su Salva.

    Se la finestra di dialogo Salva non viene visualizzata, consulta la sezione Risoluzione dei problemi di estrazione riportata più avanti.

Suggerimenti generali per l'utilizzo delle estrazioni

Salvare la cartella di lavoro per mantenere la connessione con l'estrazione

Dopo aver creato un'estrazione, la cartella di lavoro inizia a utilizzare la versione estratta dei dati. Tuttavia, la connessione alla versione estratta dei dati non viene mantenuta finché non si salva la cartella di lavoro. Ciò significa che, se chiudi la cartella di lavoro senza averla prima salvata, questa verrà ricollegata all'origine dati originale la prossima volta che viene aperta.

Alternare i dati campionati e l'estrazione completa

Quando utilizzi un'estrazione di grandi dimensioni, puoi creare un'estrazione con un campione dei dati per configurare la vista senza bisogno di lunghe query ogni volta che inserisci un campo in uno spazio della scheda del foglio. A questo punto puoi alternare l'estrazione dei soli dati campionati all'intera origine dati selezionando un'origine dati nel menu Dati e quindi selezionando Usa estrazione.

Non connettersi direttamente all'estrazione

Poiché le estrazioni vengono salvate nel file system, puoi connetterti direttamente alle estrazioni con una nuova istanza di Tableau Desktop. Questa soluzione non è consigliata per diversi motivi:

  • I nomi delle tabelle saranno diversi. Le tabelle archiviate nell'estrazione usano una denominazione speciale per garantire l'univocità dei nomi e potrebbero non essere leggibili.
  • Non puoi aggiornare l'estrazione. Quando ti connetti direttamente a un'estrazione, Tableau considera tale file come l'origine reale, anziché un clone dei dati sottostanti. Pertanto, non è possibile correlarla ai dati di origine.
  • Il modello di dati e le relazioni andranno persi. Il modello di dati e le relazioni tra le tabelle vengono archiviati nel file .tds e non nel file .hyper, pertanto queste informazioni vanno perse quando ti connetti direttamente al file .hyper. Inoltre, se esegui l'estrazione utilizzando l'archiviazione delle tabelle logiche, non verrà visualizzato alcun riferimento alle tabelle fisiche sottostanti originali.

Rimuovere l'estrazione dalla cartella di lavoro

Puoi rimuovere un'estrazione in qualsiasi momento selezionando l'origine dati dell'estrazione nel menu Dati, quindi Estrai > Rimuovi. Per rimuovere un'estrazione, puoi scegliere tra Rimuovi l'estrazione solo dalla cartella di lavoro e Rimuovi ed elimina il file di estrazione. La seconda opzione elimina l'estrazione dal disco rigido.

Visualizzare la cronologia delle estrazioni

Puoi vedere quando l'estrazione è stata aggiornata per l'ultima volta e altri dettagli selezionando un'origine dati nel menu Dati, quindi Estrai > Cronologia.

Se apri una cartella di lavoro salvata con un'estrazione e Tableau non riesce a individuare l'estrazione, seleziona una delle seguenti opzioni nella finestra di dialogo Estrazione non trovata quando viene visualizzata:

  • Individua l'estrazione: seleziona questa opzione se l'estrazione esiste ma non nella posizione in cui è stata salvata originariamente da Tableau. Fai clic su OK per aprire la finestra di dialogo Apri file in cui puoi specificare la nuova posizione del file di estrazione.

  • Rimuovi l'estrazione: seleziona questa opzione se non hai più bisogno dell'estrazione. Ciò equivale a chiudere l'origine dati. Tutti i fogli di lavoro aperti che fanno riferimento all'origine dati vengono eliminati.

  • Disattiva l'estrazione: utilizza l'origine dati originale dalla quale è stata creata l'estrazione al posto dell'estrazione stessa.

  • Rigenera l'estrazione: ricrea l'estrazione. Vengono applicati automaticamente tutti i filtri e le altre personalizzazioni specificate al momento della creazione dell'estrazione.

Suggerimenti per l'utilizzo dell'opzione Tabelle fisiche

In genere, per configurare e lavorare con le estrazioni, Tableau consiglia di utilizzare l'opzione di archiviazione predefinita dei dati, Tabelle logiche. In molti casi, alcune delle funzionalità necessarie per l'estrazione, ad esempio i filtri, sono disponibili solo con l'opzione Tabelle logiche.

Opzione Tabelle fisiche per le estrazioni di dimensioni superiori a quelle previste

L'opzione Tabelle fisiche deve essere usata con moderazione in situazioni specifiche, ad esempio quando l'origine dati soddisfa le Condizioni per l'utilizzo dell'opzione Tabelle fisiche e le dimensioni dell'estrazione sono maggiori del previsto. L'estrazione è più grande di quanto dovrebbe essere se la somma delle righe dell'estrazione che utilizzano l'opzione Tabelle logiche è maggiore della somma delle righe di tutte le tabelle combinate prima di creare l'estrazione. In questo caso, prova a utilizzare l'opzione Tabelle fisiche.

Suggerimenti di filtraggio alternativo per l'opzione Tabelle fisiche

Se usi l'opzione Tabelle fisiche, le altre opzioni per ridurre il numero di dati nell'estrazione, come i filtri, l'aggregazione, Top N e il campionamento, sono disattivate. Se devi ridurre i dati di un'estrazione che utilizza l'opzione Tabelle fisiche, puoi filtrare i dati prima che vengano trasmessi a Tableau Desktop utilizzando uno dei seguenti suggerimenti:

  • Collegati ai dati e definisci filtri usando l'SQL personalizzato: invece di collegarti a una tabella del database, puoi collegarti ai dati usando l'SQL personalizzato. Quando crei la query SQL personalizzato, verifica che contenga il livello appropriato di filtraggio necessario per ridurre i dati nell'estrazione. Per maggiori informazioni su SQL personalizzato in Tableau Desktop, consulta Connettersi a una query SQL personalizzata.

  • Definisci una vista nel database: se disponi dell'accesso in scrittura al database, puoi definire una vista del database contenente solo i dati necessari per l'estrazione e quindi collegarti alla vista del database da Tableau Desktop.

Sicurezza a livello di riga nelle estrazioni

Se vuoi proteggere i dati delle estrazioni a livello di riga, il modo migliore è usare l'opzione Tabelle fisiche. Per maggiori informazioni sulla sicurezza a livello di riga in Tableau, consulta Limitare l'accesso a livello di riga di dati.

Risoluzione dei problemi di estrazione

  • La creazione di un'estrazione richiede molto tempo: in base alle dimensioni del set di dati, creare un'estrazione può richiedere molto tempo. Tuttavia, dopo aver estratto i dati e averli salvati nel computer, le prestazioni potrebbero migliorare.

  • L'estrazione non viene creata: se il set di dati contiene un numero molto elevato di colonne (ad esempio migliaia), in alcuni casi Tableau potrebbe non essere in grado di creare l'estrazione. Se si verificano problemi, prova a estrarre meno colonne o a modificare la struttura dei dati sottostanti.

  • La finestra di dialogo Salva non viene visualizzata o l'estrazione non viene creata da un file .twbx: quando segui la precedente procedura per estrarre i dati da una cartella di lavoro compressa, la finestra di dialogo Salva non viene visualizzata. Se crei un'estrazione da una cartella di lavoro compressa (.twbx), il file di estrazione viene archiviato automaticamente nel pacchetto dei file associati alla cartella di lavoro compressa. Per accedere al file di estrazione creato dalla cartella di lavoro compresa, devi prima decomprimerla. Per maggiori informazioni, consulta Cartelle di lavoro compresse

Altri articoli in questa sezione

Grazie per il tuo feedback. Si è verificato un errore durante l'invio del feedback. Riprova o scrivici.