Funzioni di calcolo tabella

Questo articolo illustra le funzioni di calcolo tabella e i relativi utilizzi in Tableau. Mostra anche come creare un calcolo tabella utilizzando l'editor di calcolo.

Perché utilizzare le funzioni di calcolo tabella

Le funzioni di calcolo tabella ti consentono di eseguire calcoli sui valori di una tabella.

Ad esempio, puoi calcolare la percentuale del totale di una singola vendita per l'anno oppure per diversi anni.

Funzioni di calcolo tabella disponibili in Tableau:

FIRST( )


Restituisce il numero di righe dalla riga corrente alla prima riga della partizione. Ad esempio, la seguente vista mostra le vendite trimestrali. Quando FIRST() è calcolato all'interno della partizione Data, l'offset della prima riga dalla seconda riga è -1.

Esempio

Quando l'indice di riga corrente è 3, FIRST() = -2.

INDEX( )


Restituisce l'indice della riga corrente nella partizione senza ordinamento di valore. L'indice della prima riga inizia da 1. Ad esempio, la seguente tabella mostra le vendite trimestrali. Quando INDEX() è calcolato all'interno della partizione Data, l'indice di ogni riga è 1, 2, 3, 4....., ecc.

Esempio

Per la terza riga della partizione, INDEX() = 3.

LAST( )


Restituisce il numero di righe dalla riga corrente all'ultima riga della partizione. Ad esempio, la seguente tabella mostra le vendite trimestrali. Quando LAST() è calcolato all'interno della partizione Data, l'offset dell'ultima riga dalla seconda riga è 5.

Esempio

Quando l'indice di riga corrente è 3 di 7, LAST() = 4.

LOOKUP(espressione, [offset])


Restituisce il valore dell'espressione in una riga di destinazione, specificato come offset relativo rispetto alla riga corrente. Utilizza FIRST() + n e LAST() - n come parte della definizione dell'offset per una destinazione relativa alla prima/ultima riga della partizione. Se offset viene omesso, la riga da confrontare può essere impostata nel menu del campo. Se la riga di destinazione non è determinabile, questa funzione restituisce NULL.

La seguente vista mostra le vendite trimestrali. Quando LOOKUP (SUM(Sales), 2) viene calcolato all'interno della partizione Data, ogni riga mostra il valore delle vendite da 2 trimestri nel futuro.

Esempio

LOOKUP(SUM([Profit]), FIRST()+2) calcola il SUM(Profitto) nella terza riga della partizione.

MODEL_PERCENTILE(espressione_destinazione, espressione/i_predittore)


Restituisce la probabilità (compresa tra 0 e 1) che il valore previsto sia minore o uguale all'indicatore osservato, definito dall'espressione di destinazione e da altri predittori. Questa è la funzione di distribuzione predittiva posteriore, anche nota come funzione di distribuzione cumulativa (CDF).

Questa funzione è l'inversa di MODEL_QUANTILE. Per informazioni sulle funzioni di modellazione predittiva, consulta Funzionamento delle funzioni di modellazione predittiva in Tableau.

Esempio

La formula seguente restituisce il quantile dell'indicatore per la somma delle vendite, rettificato in base al conteggio degli ordini.

MODEL_PERCENTILE(SUM([Sales]), COUNT([Orders]))

MODEL_QUANTILE(quantile, espressione_destinazione, espressione/i_predittore)


Restituisce un valore numerico di destinazione all'interno dell'intervallo probabile definito dall'espressione di destinazione e da altri predittori, in corrispondenza di un quantile specificato. Questo è il quantile predittivo posteriore.

Questa funzione è l'inversa di MODEL_PERCENTILE. Per informazioni sulle funzioni di modellazione predittiva, consulta Funzionamento delle funzioni di modellazione predittiva in Tableau.

Esempio

La formula seguente restituisce la somma prevista mediana (0,5) delle vendite, rettificata in base al conteggio degli ordini.

MODEL_QUANTILE(0.5, SUM([Sales]), COUNT([Orders]))

PREVIOUS_VALUE(espressione)


Restituisce il valore di questo calcolo nella riga precedente. Restituisce l'espressione data se la riga corrente è la prima riga della partizione.

Esempio

SUM([Profit]) * PREVIOUS_VALUE(1) calcola il prodotto in esecuzione di SUM(Profitto).

RANK(espressione, ['asc' | 'desc'])


Restituisce il grado di concorrenza standard per la riga corrente della partizione. A valori identici è assegnato un grado identico. Utilizza l'argomento opzionale 'asc' | 'desc' per specificare l'ordine ascendente o discendente. Quello predefinito è discendente.

Con questa funzione, l'insieme dei valori (6, 9, 9, 14) sarebbe classificato (4, 2, 2, 1).

I NULL sono ignorati nelle funzioni di classificazione. Non sono numerati e non contano sul numero totale di record nel calcolo del grado percentile.

Per informazioni sulle diverse opzioni di classificazione, vedi Calcolo di classificazione.

Esempio

L'immagine seguente mostra l'effetto delle varie funzioni di classificazione (RANK, RANK_DENSE, RANK_MODIFIED, RANK_PERCENTILE e RANK_UNIQUE) su un insieme di valori. L'insieme di dati contiene informazioni su 14 studenti (da StudentA a StudentN); la colonna Età mostra l'età attuale di ogni studente (tutti gli studenti hanno un'età compresa tra i 17 e i 20 anni). Le colonne rimanenti mostrano l'effetto di ogni funzione di classificazione sull'insieme dei valori di età, presumendo che la funzione conservi l'ordine predefinito (ascendente o discendente).

RANK_DENSE(espressione, ['asc' | 'desc'])


Restituisce il dense rank per la riga corrente della partizione. A valori identici è assegnato un grado identico, ma nella sequenza numerica non vengono inseriti intervalli. Utilizza l'argomento opzionale 'asc' | 'desc' per specificare l'ordine ascendente o discendente. Quello predefinito è discendente.

Con questa funzione, l'insieme dei valori (6, 9, 9, 14) sarebbe classificato (3, 2, 2, 1).

I NULL sono ignorati nelle funzioni di classificazione. Non sono numerati e non contano sul numero totale di record nel calcolo del grado percentile.

Per informazioni sulle diverse opzioni di classificazione, vedi Calcolo di classificazione.

RANK_MODIFIED(espressione, ['asc' | 'desc'])


Restituisce il grado di concorrenza modificato per la riga corrente della partizione. A valori identici è assegnato un grado identico. Utilizza l'argomento opzionale 'asc' | 'desc' per specificare l'ordine ascendente o discendente. Quello predefinito è discendente.

Con questa funzione, l'insieme dei valori (6, 9, 9, 14) sarebbe classificato (4, 3, 3, 1).

I NULL sono ignorati nelle funzioni di classificazione. Non sono numerati e non contano sul numero totale di record nel calcolo del grado percentile.

Per informazioni sulle diverse opzioni di classificazione, vedi Calcolo di classificazione.

RANK_PERCENTILE(espressione, ['asc' | 'desc'])


Restituisce il grado percentile per la riga corrente della partizione. Utilizza l'argomento opzionale 'asc' | 'desc' per specificare l'ordine ascendente o discendente. Quello predefinito è ascendente.

Con questa funzione, l'insieme dei valori (6, 9, 9, 14) sarebbe classificato (0,00, 0,67, 0,67, 1,00).

I NULL sono ignorati nelle funzioni di classificazione. Non sono numerati e non contano sul numero totale di record nel calcolo del grado percentile.

Per informazioni sulle diverse opzioni di classificazione, vedi Calcolo di classificazione.

RANK_UNIQUE(espressione, ['asc' | 'desc'])


Restituisce il grado unico per la riga corrente della partizione. A valori identici sono assegnati gradi differenti. Utilizza l'argomento opzionale 'asc' | 'desc' per specificare l'ordine ascendente o discendente. Quello predefinito è discendente.

Con questa funzione, l'insieme dei valori (6, 9, 9, 14) sarebbe classificato (4, 2, 3, 1).

I NULL sono ignorati nelle funzioni di classificazione. Non sono numerati e non contano sul numero totale di record nel calcolo del grado percentile.

Per informazioni sulle diverse opzioni di classificazione, vedi Calcolo di classificazione.

RUNNING_AVG(espressione)


Restituisce la media mobile dell'espressione data, dalla prima riga della partizione alla riga corrente.

La seguente vista mostra le vendite trimestrali. Quando all'interno della partizione Data viene calcolato RUNNING_AVG(SUM([Sales]), il risultato è una media mobile dei valori di vendita per ogni trimestre.

Esempio

RUNNING_AVG(SUM([Profit])) calcola la media mobile di SUM(Profitto).

RUNNING_COUNT(espressione)


Restituisce il conteggio in esecuzione dell'espressione data, dalla prima riga della partizione alla riga corrente.

Esempio

RUNNING_COUNT(SUM([Profit])) calcola il conteggio in esecuzione di SUM(Profitto).

RUNNING_MAX(espressione)


Restituisce il massimo in esecuzione dell'espressione data, dalla prima riga della partizione alla riga corrente.

Esempio

RUNNING_MAX(SUM([Profit])) calcola il massimo in esecuzione di SUM(Profitto).

RUNNING_MIN(espressione)


Restituisce il minimo in esecuzione dell'espressione data, dalla prima riga della partizione alla riga corrente.

Esempio

RUNNING_MIN(SUM([Profit])) calcola il minimo in esecuzione di SUM(Profitto).

RUNNING_SUM(espressione)


Restituisce la somma in esecuzione dell'espressione data, dalla prima riga della partizione alla riga corrente.

Esempio

RUNNING_SUM(SUM([Profit])) calcola la somma in esecuzione di SUM(Profitto)

SIZE()


Restituisce il numero di righe della partizione. Ad esempio, la seguente vista mostra le vendite trimestrali. All'interno della partizione Data, ci sono sette righe, quindi la Dimensione() della partizione Data è 7.

Esempio

SIZE() = 5 quando la partizione corrente contiene cinque righe.

SCRIPT_BOOL


Restituisce un risultato booleano dall'espressione specificata. L'espressione viene passata direttamente a un'istanza di servizio di estensione di analisi in esecuzione.

Nelle espressioni R, utilizza .argn (con un punto iniziale) per fare riferimento ai parametri (.arg1, .arg2, ecc.).

Nelle espressioni Python, utilizza _argn (con un trattino basso iniziale).

Esempi

Nell'esempio R, .arg1 è uguale a SUM([Profitto]):

SCRIPT_BOOL("is.finite(.arg1)", SUM([Profit]))

L'esempio successivo restituisce True per gli ID dei negozi nello stato di Washington, e False negli altri casi. Questo esempio potrebbe essere la definizione di un campo calcolato intitolato IsStoreInWA.

SCRIPT_BOOL('grepl(".*_WA", .arg1, perl=TRUE)',ATTR([Store ID]))

Un comando per Python assumerebbe questa forma:

SCRIPT_BOOL("return map(lambda x : x > 0, _arg1)", SUM([Profit]))

SCRIPT_INT


Restituisce come risultato un numero intero dall'espressione specificata. L'espressione viene passata direttamente a un'istanza di servizio di estensione di analisi in esecuzione.

Nelle espressioni R, utilizza .argn (con un punto iniziale) per fare riferimento ai parametri (.arg1, .arg2, ecc.)

Nelle espressioni Python, utilizza _argn (con un trattino basso iniziale).

Esempi

Nell'esempio R, .arg1 è uguale a SUM([Profitto]):

SCRIPT_INT("is.finite(.arg1)", SUM([Profit]))

Nell'esempio seguente, il clustering k-means viene utilizzato per creare tre cluster:

SCRIPT_INT('result <- kmeans(data.frame(.arg1,.arg2,.arg3,.arg4), 3);result$cluster;', SUM([Petal length]), SUM([Petal width]),SUM([Sepal length]),SUM([Sepal width]))

Un comando per Python assumerebbe questa forma:

SCRIPT_INT("return map(lambda x : int(x * 5), _arg1)", SUM([Profit]))

SCRIPT_REAL


Restituisce un risultato reale dall'espressione specificata. L'espressione viene passata direttamente a un'istanza di servizio di estensione di analisi in esecuzione. Nelle

espressioni R, utilizza .argn (con un punto iniziale) per fare riferimento ai parametri (.arg1, .arg2, ecc.)

Nelle espressioni Python, utilizza _argn (con un trattino basso iniziale).

Esempi

Nell'esempio R, .arg1 è uguale a SUM([Profitto]):

SCRIPT_REAL("is.finite(.arg1)", SUM([Profit]))

L'esempio seguente converte i valori di temperatura da Celsius a Fahrenheit.

SCRIPT_REAL('library(udunits2);ud.convert(.arg1, "celsius", "degree_fahrenheit")',AVG([Temperature]))

Un comando per Python assumerebbe questa forma:

SCRIPT_REAL("return map(lambda x : x * 0.5, _arg1)", SUM([Profit]))

SCRIPT_STR


Restituisce un risultato di stringa dall'espressione specificata. L'espressione viene passata direttamente a un'istanza di servizio di estensione di analisi in esecuzione.

Nelle espressioni R, utilizza .argn (con un punto iniziale) per fare riferimento ai parametri (.arg1, .arg2, ecc.)

Nelle espressioni Python, utilizza _argn (con un trattino basso iniziale).

Esempi

Nell'esempio R, .arg1 è uguale a SUM([Profitto]):

SCRIPT_STR("is.finite(.arg1)", SUM([Profit]))

L'esempio seguente estrae un'abbreviazione di stato da una stringa più complicata (nella forma originale 13XSL_CA, A13_WA):

SCRIPT_STR('gsub(".*_", "", .arg1)',ATTR([Store ID]))

Un comando per Python assumerebbe questa forma:

SCRIPT_STR("return map(lambda x : x[:2], _arg1)", ATTR([Region]))

TOTAL(espressione)


Restituisce il totale per l'espressione data in una partizione di calcolo tabella.

Esempio

Immagina di partire da questa vista:

Apri l'editor di calcolo e crea un nuovo campo che denominerai Totale:

Trascina Totale su Testo per sostituire SUM(Vendite). La vista cambia in modo tale da sommare i valori in base al valore predefinito Calcola utilizzando:

A questo punto la domanda è: qual è il valore predefinito di Calcola utilizzando? Se nel riquadro Dati fai clic con il pulsante destro del mouse (Control-clic su un Mac) su Totale e selezioni Modifica, avrai a disposizione un'ulteriore informazione:

Il valore predefinito di Calcola utilizzando è Tabella (orizzontale). Il risultato è che Totale sta sommando i valori in orizzontale su ogni riga della tabella. Quindi il valore che si vede su ogni riga è la somma dei valori della versione originale della tabella.

I valori della riga 2011/T1 nella tabella originale erano 8601 $, 6579 $, 44262 $ e 15006 $. I valori nella tabella dopo che Totale ha sostituito SUM(Vendite) corrispondono tutti a 74.448 $, ovvero la somma dei quattro valori originali.

Nota il triangolo accanto a Totale dopo averlo trascinato su Testo:

Ciò indica che questo campo utilizza un calcolo tabella. Puoi fare clic con il pulsante destro del mouse sul campo e selezionare Modifica calcolo tabella per reindirizzare la funzione a un valore di Calcola utilizzando differente. Ad esempio, puoi impostarlo su Tabella (verso il basso). In questo caso, la tabella apparirebbe così:

WINDOW_AVG(espressione, [inizio, fine])


Restituisce la media dell'espressione all'interno della finestra. La finestra viene definita mediante offset della riga corrente. Utilizza FIRST()+n e LAST()-n per gli offset della prima o dell'ultima riga della partizione. Se l'inizio e la fine sono omessi, viene utilizzata l'intera partizione.

Ad esempio, la seguente vista mostra le vendite trimestrali. Una finestra media all'interno della partizione Data restituisce le vendite medie in tutte le date.

Esempio

WINDOW_AVG(SUM([Profit]), FIRST()+1, 0) calcola la media di SUM(Profitto) dalla seconda riga a quella corrente.

WINDOW_CORR(espressione1, espressione2, [inizio, fine])


Restituisce il coefficiente di correlazione Pearson di due espressioni all'interno della finestra. La finestra viene definita come offset della riga corrente. Utilizza FIRST()+n e LAST()-n per gli offset della prima o dell'ultima riga della partizione. Se l'inizio e la fine sono omessi, viene utilizzata l'intera partizione.

La correlazione di Pearson misura la relazione lineare tra due variabili. I risultati variano da -1 a +1 inclusi, dove 1 denota un'esatta relazione lineare positiva, come quando un cambiamento positivo in una variabile implica un cambiamento positivo di grandezza corrispondente nell'altra; 0 denota l'assenza di relazioni lineari tra la varianza, e -1 è un'esatta relazione negativa.

Esiste una funzione di aggregazione equivalente: CORR. Vedi Funzioni di Tableau (in ordine alfabetico)(Il collegamento viene aperto in una nuova finestra).

Esempio

La seguente formula restituisce la correlazione di Pearson di SUM(Profitto) e SUM(Vendite) dalle cinque righe precedenti alla riga corrente.

WINDOW_CORR(SUM[Profit]), SUM([Sales]), -5, 0)

WINDOW_COUNT(espressione, [inizio, fine])


Restituisce il conteggio dell'espressione all'interno della finestra. La finestra viene definita mediante offset della riga corrente. Utilizza FIRST()+n e LAST()-n per gli offset della prima o dell'ultima riga della partizione. Se l'inizio e la fine sono omessi, viene utilizzata l'intera partizione.

Esempio

WINDOW_COUNT(SUM([Profit]), FIRST()+1, 0) calcola il conteggio di SUM(Profitto) dalla seconda riga a quella corrente

WINDOW_COVAR(espressione1, espressione2, [inizio, fine])


Restituisce la covarianza del campione di due espressioni all'interno della finestra. La finestra viene definita come offset della riga corrente. Utilizza FIRST()+n e LAST()-n per gli offset della prima o dell'ultima riga della partizione. Se gli argomenti di inizio e fine vengono omessi, la finestra è l'intera partizione.

Per normalizzare il calcolo della covarianza, la covarianza del campione utilizza il numero di punti dati non NULL n - 1 al posto di n, che viene invece utilizzato dalla covarianza della popolazione (con la funzione WINDOW_COVARP). La covarianza del campione è la scelta appropriata quando i dati sono un campione casuale che viene utilizzato per stimare la covarianza per una popolazione più numerosa.

Esiste una funzione di aggregazione equivalente: COVAR. Vedi Funzioni di Tableau (in ordine alfabetico)(Il collegamento viene aperto in una nuova finestra).

Esempio

La seguente formula restituisce la covarianza del campione di SUM(Profitto) e SUM(Vendite) dalle due righe precedenti alla riga corrente.

WINDOW_COVAR(SUM([Profit]), SUM([Sales]), -2, 0)

WINDOW_COVARP(espressione1, espressione2, [inizio, fine])


Restituisce la covarianza della popolazione di due espressioni all'interno della finestra. La finestra viene definita come offset della riga corrente. Utilizza FIRST()+n e LAST()-n per gli offset della prima o dell'ultima riga della partizione. Se l'inizio e la fine sono omessi, viene utilizzata l'intera partizione.

La covarianza della popolazione è la covarianza del campione moltiplicata per (n-1)/n, dove n è il numero totale di punti dati non NULL. Quando vi sono dati disponibili per tutte le voci di interesse, la covarianza della popolazione è la scelta appropriata, al contrario di quando è presente solo un sottoinsieme casuale di voci, nel qual caso risulta appropriata la covarianza del campione (con la funzione WINDOW_COVAR).

Esiste una funzione di aggregazione equivalente: COVARP. Funzioni di Tableau (in ordine alfabetico)(Il collegamento viene aperto in una nuova finestra).

Esempio

La seguente formula restituisce la covarianza della popolazione di SUM(Profitto) e SUM(Vendite) dalle due righe precedenti alla riga corrente.

WINDOW_COVARP(SUM([Profit]), SUM([Sales]), -2, 0)

WINDOW_MEDIAN(espressione, [inizio, fine])


Restituisce la mediana dell'espressione all'interno della finestra. La finestra viene definita mediante offset della riga corrente. Utilizza FIRST()+n e LAST()-n per gli offset della prima o dell'ultima riga della partizione. Se l'inizio e la fine sono omessi, viene utilizzata l'intera partizione.

Ad esempio, la seguente vista mostra i profitti trimestrali. Una finestra mediana all'interno della partizione Data restituisce il profitto mediano in tutte le date.

Esempio

WINDOW_MEDIAN(SUM([Profit]), FIRST()+1, 0) calcola la mediana di SUM(Profitto) dalla seconda riga a quella corrente.

WINDOW_MAX(espressione, [inizio, fine])


Restituisce il massimo dell'espressione all'interno della finestra. La finestra viene definita mediante offset della riga corrente. Utilizza FIRST()+n e LAST()-n per gli offset della prima o dell'ultima riga della partizione. Se l'inizio e la fine sono omessi, viene utilizzata l'intera partizione.

Ad esempio, la seguente vista mostra le vendite trimestrali. Una finestra massima all'interno della partizione Data restituisce le vendite massime in tutte le date.

Esempio

WINDOW_MAX(SUM([Profit]), FIRST()+1, 0) calcola il massimo di SUM(Profitto) dalla seconda riga a quella corrente.

WINDOW_MIN(espressione, [inizio, fine])


Restituisce il minimo dell'espressione all'interno della finestra. La finestra viene definita mediante offset della riga corrente. Utilizza FIRST()+n e LAST()-n per gli offset della prima o dell'ultima riga della partizione. Se l'inizio e la fine sono omessi, viene utilizzata l'intera partizione.

Ad esempio, la seguente vista mostra le vendite trimestrali. Una finestra minima all'interno della partizione Data restituisce le vendite minime in tutte le date.

Esempio

WINDOW_MIN(SUM([Profit]), FIRST()+1, 0) calcola il minimo di SUM(Profitto) dalla seconda riga a quella corrente.

WINDOW_PERCENTILE(espressione, [inizio, fine])


Restituisce il valore corrispondente al percentile specificato all'interno della finestra. La finestra viene definita mediante offset della riga corrente. Utilizza FIRST()+n e LAST()-n per gli offset della prima o dell'ultima riga della partizione. Se l'inizio e la fine sono omessi, viene utilizzata l'intera partizione.

Esempio

WINDOW_PERCENTILE(SUM([Profit]), 0.75, -2, 0) calcola il 75° percentile di SUM(Profitto) dalle due righe precedenti a quella corrente.

WINDOW_STDEV(espressione, [inizio, fine])


Restituisce la deviazione standard del campione all'interno della finestra. La finestra viene definita mediante offset della riga corrente. Utilizza FIRST()+n e LAST()-n per gli offset della prima o dell'ultima riga della partizione. Se l'inizio e la fine sono omessi, viene utilizzata l'intera partizione.

Esempio

WINDOW_STDEV(SUM([Profit]), FIRST()+1, 0) calcola la deviazione standard di SUM(Profitto) dalla seconda riga a quella corrente.

WINDOW_STDEVP(espressione, [inizio, fine])


Restituisce la deviazione standard parziale all'interno della finestra. La finestra viene definita mediante offset della riga corrente. Utilizza FIRST()+n e LAST()-n per gli offset della prima o dell'ultima riga della partizione. Se l'inizio e la fine sono omessi, viene utilizzata l'intera partizione.

Esempio

WINDOW_STDEVP(SUM([Profit]), FIRST()+1, 0) calcola la deviazione standard di SUM(Profitto) dalla seconda riga a quella corrente.

WINDOW_SUM(espressione, [inizio, fine])


Restituisce la somma dell'espressione all'interno della finestra. La finestra viene definita mediante offset della riga corrente. Utilizza FIRST()+n e LAST()-n per gli offset della prima o dell'ultima riga della partizione. Se l'inizio e la fine sono omessi, viene utilizzata l'intera partizione.

Ad esempio, la seguente vista mostra le vendite trimestrali. Una finestra di somma all'interno della partizione Data restituisce la somma delle vendite in tutti i trimestri.

Esempio

WINDOW_SUM(SUM([Profit]), FIRST()+1, 0) calcola la somma di SUM(Profitto) dalla seconda riga a quella corrente.

WINDOW_VAR(espressione, [inizio, fine])


Restituisce la varianza del campione all'interno della finestra. La finestra viene definita mediante offset della riga corrente. Utilizza FIRST()+n e LAST()-n per gli offset della prima o dell'ultima riga della partizione. Se l'inizio e la fine sono omessi, viene utilizzata l'intera partizione.

Esempio

WINDOW_VAR((SUM([Profit])), FIRST()+1, 0) calcola la varianza di SUM(Profitto) dalla seconda riga a quella corrente.

WINDOW_VARP(espressione, [inizio, fine])


Restituisce la varianza parziale all'interno della finestra. La finestra viene definita mediante offset della riga corrente. Utilizza FIRST()+n e LAST()-n per gli offset della prima o dell'ultima riga della partizione. Se l'inizio e la fine sono omessi, viene utilizzata l'intera partizione.

Esempio

WINDOW_VARP(SUM([Profit]), FIRST()+1, 0) calcola la varianza di SUM(Profitto) dalla seconda riga a quella corrente.

Creare un calcolo tabella utilizzando l'editor di calcolo

Per informazioni su come creare un calcolo tabella utilizzando l'editor di calcolo, segui i passaggi seguenti.

Nota: è possibile creare calcoli tabella in Tableau in diversi modi. In questo esempio, viene mostrato solo uno di questi modi. Per maggiori informazioni, consulta Trasformare i valori con i calcoli tabella(Il collegamento viene aperto in una nuova finestra).

Passaggio 1: creare la visualizzazione

  1. In Tableau Desktop, connettiti all'origine dati salvata Sample - Superstore, fornita con Tableau.

  2. Passa a un foglio di lavoro.

  3. Dal riquadro Dati, sotto Dimensioni, trascina Data ordine sullo spazio Colonne.

  4. Dal riquadro Dati, sotto Dimensioni, trascina Sottocategoria sullo spazio Righe.

  5. Dal riquadro Dati, in Misure, trascina Vendite su Testo nella scheda Indicatori.

    La visualizzazione viene aggiornata in una tabella di testo.

Passaggio 2: creare il calcolo tabella

  1. Seleziona Analisi > Crea campo calcolato.

  2. Nell'editor di calcolo che si apre, esegui le seguenti operazioni:

    • Denomina il campo calcolato Somma corrente del profitto.
    • Immetti la seguente formula:

      RUNNING_SUM(SUM([Profit]))

      Questa formula calcola la somma corrente delle vendite del profitto. Il calcolo si riferisce a tutta la tabella.

    • Al termine, fai clic su OK.

      Visualizzerai il nuovo campo calcolo tabella in Misure nel riquadro Dati. Proprio come gli altri campi, puoi utilizzarlo in una o più visualizzazioni.

Passaggio 3: utilizzare il calcolo tabella nella visualizzazione

  1. Dal riquadro Dati, in Misure, trascina Somma corrente del profitto su Colore nella scheda Indicatori.

  2. Sulla scheda Indicatori, fai clic sul menu a discesa Tipo di indicatore e seleziona Quadrato.

    La visualizzazione viene aggiornata in una tabella evidenziata:

Passaggio 4: modificare il calcolo tabella

  1. Sulla scheda Indicatori, fai clic con il pulsante destro del mouse su Somma corrente del profitto e seleziona Modifica calcolo della tabella.
  2. Nella finestra di dialogo Calcolo tabella che si apre, sotto Calcola usando, seleziona Tabella (giù).

    La visualizzazione si aggiorna come segue:

Vedi anche

Creare un calcolo tabella(Il collegamento viene aperto in una nuova finestra)

Tipi di calcolo tabella

Personalizzare i calcoli tabella(Il collegamento viene aperto in una nuova finestra)

Calcoli tabella rapidi

Funzioni in Tableau

Funzioni di Tableau (per categoria)

Funzioni di Tableau (in ordine alfabetico)

Grazie per il tuo feedback.