A partire dalla versione 2020.2 di Tableau, sono stati apportati diversi importanti miglioramenti per rendere l'analisi multi-tabella più semplice e intuitiva. In questo argomento sono descritte tali modifiche.

Le nuove funzionalità di modellazione dei dati in Tableau consentono di analizzare più facilmente i dati in più tabelle. Con un nuovo livello logico e le relazioni nelle origini dati, puoi creare modelli di dati multi-tabella sotto forma di schemi a stella e a fiocco di neve con più tabelle dei fatti a diversi livelli di dettaglio (LOD).

  • Le origini dati sono più semplici da creare, gestire e analizzare. Le origini dati ora dispongono di un nuovo livello logico in cui è possibile creare relazioni flessibili tra tabelle. Crea modelli di dati multi-tabella e multi-fatti correlando le tabelle a diversi livelli di dettaglio. Inserisci i dati da più tabelle più facilmente e gestisci un numero minore di origini dati per soddisfare le tue esigenze di analisi.
  • Le relazioni rendono l'esperienza di analisi più intuitiva. Non è più necessario eseguire una pianificazione dettagliata dei join e formulare ipotesi su quali tipi di join saranno necessari per preparare i dati per l'analisi. Tableau seleziona automaticamente i tipi di join in base ai campi utilizzati nella visualizzazione. Durante l'analisi, Tableau regola i tipi di join in modo intelligente e mantiene il livello di dettaglio nativo nei dati. Puoi visualizzare le aggregazioni al livello di dettaglio dei campi nella vista senza doverti preoccupare dei join sottostanti. Le relazioni possono essere molti-a-molti e supportano i full outer join. Non è necessario utilizzare espressioni LOD come FIXED per deduplicare i dati nelle tabelle correlate.
  • La pagina Origine dati, la finestra Visualizza dati e il riquadro Dati sono stati aggiornati per supportare un'esperienza di analisi multi-tabella. La prima vista del canvas della pagina Origine dati è ora il livello logico, in cui è possibile definire le relazioni tra le tabelle. A supporto dell'analisi multi-tabella, diverse parti dell'interfaccia di Tableau sono state modificate. La pagina Origine dati (canvas, griglia dei dati), la finestra Visualizza dati e il riquadro Dati nel foglio di lavoro sono stati aggiornati per supportare un'esperienza di analisi multi-tabella. Per maggiori informazioni, consulta Modifiche alle diverse parti dell'interfaccia(Il collegamento viene aperto in una nuova finestra). Anche l'API per l'accesso a Visualizza dati è stata aggiornata per supportare l'analisi multi-tabella.
  • Le query in grado di riconoscere il contesto inseriscono i dati pertinenti quando sono necessari. Un'origine dati che utilizza le relazioni semplifica l'inserimento di più tabelle, più righe di dati e più tabelle dei fatti in una singola origine dati. Anziché eseguire query sull'intera origine dati, Tableau recupera i dati dalle tabelle necessarie per il foglio di lavoro, in base ai campi in uso nella visualizzazione.

Guarda un video: per una panoramica dei miglioramenti delle origini dati e un'introduzione all'utilizzo delle relazioni in Tableau, guarda questo video di 5 minuti.

Nota: l'interfaccia per la modifica delle relazioni mostrata in questo video è leggermente diversa dalla versione corrente ma presenta le stesse funzionalità.

Ulteriori informazioni sul funzionamento delle query di relazione sono disponibili nei seguenti post di blog di Tableau:

Guarda anche i podcast video sulle relazioni di Action Analytics(Il collegamento viene aperto in una nuova finestra), ad esempio Why did Tableau Invent Relationships?(Il collegamento viene aperto in una nuova finestra) Fai clic su "Video Podcast" nella sezione Library(Il collegamento viene aperto in una nuova finestra) per vederne altri.

Modifiche alle origini dati, al modello di dati e alla semantica delle query

Supporto per le origini dati multi-tabella

Le origini dati in Tableau riconoscono e preservano i dati normalizzati. Grazie alle origini dati multi-tabella, Tableau è in grado di gestire più livelli di dettaglio in un'unica origine dati. Questo supporto rende più semplice preparare ed esplorare i dati, senza dover scrivere calcoli specializzati per controllare aggregazioni come medie e totali. Combina le tabelle in schemi a stella e a fiocco di neve per correlare con facilità più tabelle dei fatti. Il nuovo livello logico utilizza join dinamici contestuali e offre un maggiore controllo dei domini (consulta Schemi del modello di dati supportati).

Tableau riconosce e mantiene le relazioni sottostanti tra le tabelle, rendendo necessario un minor numero di join e calcoli. Poiché queste origini dati migliorate possono rispondere a una più ampia varietà di domande, puoi consolidare il numero di origini dati distinte che è necessario creare e gestire. Sono necessarie meno origini dati per rappresentare gli stessi dati.

Cosa non è cambiato?

Le relazioni nel livello logico offrono più opzioni per combinare i dati rispetto alle versioni precedenti (non è stato tolto nulla). Puoi comunque creare origini dati a tabella singola in Tableau. Puoi creare una tabella logica utilizzando una combinazione di join, unioni, SQL personalizzato e così via. Il comportamento di analisi delle tabelle singole in Tableau non è cambiato. L'analisi di una singola tabella logica che contiene una combinazione di dimensioni e misure funziona come in Tableau 2020.1 e versioni precedenti.

Vedi anche Domande su relazioni, modello di dati e origini dati.

Nuovo livello logico nell'origine dati

Nelle versioni precedenti di Tableau, il modello di dati nell'origine dati comprendeva un singolo livello fisico in cui era possibile specificare i join(Il collegamento viene aperto in una nuova finestra) e le unificazioni. Le tabelle aggiunte al livello fisico (sottoposte a join o unite) creano un'unica tabella appiattita (denormalizzata) per l'analisi.

Versioni precedenti   2020.2 e versioni successive
 
In Tableau 2020.1 e versioni precedenti, il modello di dati comprendeva solo il livello fisico   In Tableau 2020.2 e versioni successive, il modello di dati comprende due livelli: il livello logico e il livello fisico

A partire dalla versione 2020.2 di Tableau, il modello di dati nell'origine dati include un nuovo livello semantico sopra il livello fisico (denominato livello logico), in cui è possibile aggiungere più tabelle e metterle in relazione tra loro sulla base di coppie di campi corrispondenti. Le tabelle nel livello logico non vengono unite nell'origine dati: rimangono distinte (normalizzate) e mantengono il livello di dettaglio nativo.

Le tabelle logiche operano come contenitori per le tabelle fisiche. Puoi comunque utilizzare i join e le unioni tra le tabelle fisiche. È sufficiente fare doppio clic su una tabella logica per aprirla e utilizzare i join o le unioni.

Il livello logico semplifica la combinazione dei dati per un'ampia varietà di scenari di analisi. Puoi utilizzare e creare modelli di dati normalizzati sotto forma di schemi a stella e a fiocco di neve, nonché modelli flessibili con tabelle dei fatti a diversi livelli di granularità.

Per maggiori informazioni, consulta Modello di dati di Tableau e Schemi del modello di dati supportati.

Nuova semantica delle query basata sulle relazioni

Le relazioni sono un modo flessibile e dinamico per combinare i dati di più tabelle per l'analisi. Le relazioni possono essere molti-a-molti e supportano i full outer join. Non è necessario utilizzare espressioni LOD come FIXED per deduplicare i dati nelle tabelle correlate.

Puoi considerare una relazione come un contratto tra due tabelle. Quando si compila una vista con i campi di queste tabelle, Tableau include i dati di queste tabelle utilizzando tale contratto per creare una query con i join appropriati.

È consigliabile utilizzare le relazioni come primo approccio per combinare i dati perché semplificano e rendono più intuitive la preparazione e l'analisi dei dati. Utilizza i join solo quando è assolutamente necessario(Il collegamento viene aperto in una nuova finestra).

  • Nessun tipo di join iniziale. È sufficiente selezionare i campi corrispondenti per definire la relazione (nessun tipo di join). Poiché non specifichi il tipo di join, non verrà visualizzato un diagramma di Venn durante l'impostazione delle relazioni.
  • Automazione e riconoscimento del contesto. Le relazioni rinviano i join al momento e al contesto dell'analisi. Tableau seleziona automaticamente i tipi di join in base ai campi utilizzati nella visualizzazione. Durante l'analisi, Tableau regola i tipi di join in modo intelligente e mantiene il livello di dettaglio nativo nei dati. Puoi visualizzare le aggregazioni al livello di dettaglio dei campi nella vista senza doverti preoccupare dei join sottostanti.
  • Flessibilità. La combinazione delle tabelle tramite le relazioni è simile alla creazione di un'origine dati personalizzata e flessibile per ogni vista, il tutto in un'unica origine dati per la cartella di lavoro. Poiché Tableau esegue query solo sulle tabelle necessarie in base ai campi e ai filtri in una vista, puoi creare un'origine dati che può essere utilizzata per un'ampia gamma di flussi di analisi.

Per maggiori informazioni, consulta Correlare i dati(Il collegamento viene aperto in una nuova finestra), Non temere le relazioni(Il collegamento viene aperto in una nuova finestra) e Relationships, part 1: Introducing new data modeling in Tableau(Il collegamento viene aperto in una nuova finestra).

Nota: per passare al canvas di join originale, fai doppio clic su una tabella logica nella vista principale (il livello logico dell'origine dati). Puoi comunque aggiungere join e unioni tra le tabelle nel livello fisico dell'origine dati. Per maggiori informazioni, consulta Modello di dati di Tableau.

Origini dati migrate

Quando apri una cartella di lavoro o un'origine dati precedente alla versione 2020.2 in Tableau 2020.2 e versioni successive, l'origine dati verrà visualizzata nel canvas come una singola tabella logica. Puoi continuare a utilizzare la cartella di lavoro come in precedenza.

Se l'origine dati conteneva più tabelle sottoposte a join o unificate, viene visualizzata la singola tabella logica con il nome "Dati migrati". Puoi rinominare la tabella Dati migrati.

Per vedere le tabelle fisiche che compongono la singola tabella logica, fai doppio clic su tale tabella logica per aprirla nel livello fisico. Verranno visualizzate le tabelle fisiche sottostanti, inclusi i join e le unioni.

Web authoring

La cartella di lavoro deve utilizzare un'origine dati incorporata per poter modificare le relazioni e le opzioni relative alle prestazioni nella pagina Origine dati nel Web authoring in Tableau Server o Tableau Cloud.

Estrazioni

I dati delle estrazioni ora vengono archiviati in base a tabelle logiche (sostituisce l'opzione Tabella singola) o a tabelle fisiche (sostituisce l'opzione Tabelle multiple). Per maggiori informazioni, consulta Creare un'estrazione.

Modifiche alle diverse parti dell'interfaccia

Modifiche della pagina Origine dati

Il canvas della pagina Origine dati ora ha due livelli: un livello logico e un livello fisico. La vista predefinita mostrata nella pagina Origine dati è nuova: ora mostra il livello logico, che utilizza le relazioni ("noodle") tra le tabelle.

Puoi comunque aggiungere join e unioni tra le tabelle nel livello fisico: è sufficiente fare doppio clic su una tabella logica nella vista logica principale per passare al livello fisico. Per maggiori informazioni, consulta Modello di dati di Tableau.

Griglia di dati

Quando l'origine dei dati è composta da più tabelle correlate, selezionando una tabella logica vengono visualizzati i dati di tale tabella nella griglia di dati sottostante. Con le relazioni, i dati non sono stati uniti, pertanto vengono visualizzati i valori per la tabella logica attualmente selezionata. Se è necessario eseguire il pivot delle colonne, devi aprire una tabella logica ed eseguire il pivot dei dati nella vista della tabella fisica dell'origine dati.

Riquadro Dati nei fogli di lavoro

Per supportare le relazioni e l'analisi multi-tabella, il riquadro Dati è stato aggiornato.

Le etichette Dimensioni e Misure non verranno più visualizzate nel riquadro Dati. I campi delle dimensioni e delle misure possono essere organizzati per tabella (Raggruppa per tabella origine dati) o per cartella (Raggruppa per cartella). Per ogni tabella o cartella, le dimensioni sono visualizzate sopra la linea grigia e le misure sotto di essa. In alcuni casi, inizialmente una tabella potrebbe mostrare solo le dimensioni o solo le misure.

Il campo Numero di record non verrà più visualizzato nelle origini dati contenenti tabelle logiche. Ogni tabella include un conteggio dei relativi record, in un campo denominato NomeTabella(Conteggio), al livello di dettaglio per tale tabella. Nell'esempio precedente puoi visualizzare Indirizzi(Conteggio),Clienti(Conteggio) e Voci(Conteggio).

CONTEGGIO della tabella = SOMMA del numero di record per la tabella. Non è possibile creare calcoli basati sul campo Conteggio di una tabella. Il conteggio è di sola aggregazione.

Nota: potresti visualizzare il campo Numero di record nel riquadro Dati se apri una cartella di lavoro precedente alla versione 2020.2 che utilizzava Numero di record in una vista.

I campi calcolati sono elencati con il relativo campo di origine, se tutti i relativi campi di input provengono dalla stessa tabella.

Gli insiemi e i gruppi sono visualizzati sotto la tabella con il relativo campo di origine.

I campi che non appartengono a una tabella specifica o che non sono raggruppati in una cartella vengono visualizzati nell'area generale sotto le tabelle. Includono: calcoli aggregati, calcoli che utilizzano campi da più tabelle, Numero di record (quando applicabile), Nomi misure e Valori misure.

Visualizza dati

Nella finestra Visualizza dati, quando l'origine dati contiene più tabelle logiche, il numero di righe e i dati vengono elencati al livello di dettaglio nativo per ogni tabella in schede distinte.

Per ulteriori informazioni, consulta Visualizzare i dati sottostanti.

I campi calcolati sono elencati con il relativo campo di origine.

I calcoli LOD non verranno necessariamente mostrati in Visualizza dati per una tabella logica perché un calcolo LOD potrebbe avere una granularità diversa rispetto alla tabella stessa. Se la dimensionalità di un calcolo LOD include campi di una singola tabella, tale calcolo LOD verrà visualizzato nella relativa tabella nel riquadro Dati.

Modifiche all'ordine delle colonne di Visualizza dati in Tableau 2020.2 e versioni successive

Quando apri un'origine dati da Tableau 2020.1 e versioni precedenti in Tableau 2020.2 e versioni successive, l'ordine delle colonne potrebbe essere diverso. Le colonne possono essere visualizzate in modo diverso nella finestra Visualizza dati e l'ordine delle colonne potrebbe essere diverso quando vengono esportate in formato CSV.

Questa modifica nel modo in cui viene gestito l'ordine delle colonne nella finestra Visualizza dati è necessaria per supportare relazioni e tabelle logiche.

Se usi script che dipendono da un ordine delle colonne personalizzato, è consigliabile utilizzare l'API Extensions di Tableau per Visualizza dati al fine di scaricare i dati sottostanti in formato CSV.

Modifiche dell'analisi con origini dati multi-tabella

L'utilizzo di un'origine dati con più tabelle correlate influisce sul funzionamento dell'analisi in Tableau. Poiché le varie tabelle correlate hanno domini indipendenti e mantengono il proprio livello di dettaglio nativo, quando si trascinano i campi nella vista:

  • Vengono eseguite query dei dati al relativo livello di dettaglio naturale.
  • Vengono interrogati solo i dati rilevanti per una vista.
  • Le relazioni tra le tabelle influenzano i risultati della query. Il flusso di creazione di una vista può variare a seconda del modo in cui le tabelle dei campi sono correlate tra loro nel modello di dati o se non sono correlate direttamente.

Vantaggi dell'utilizzo di origini dati multi-tabella con le relazioni:

  • Le relazioni utilizzano i join, ma in modo automatico. Tableau seleziona automaticamente i tipi di join in base ai campi utilizzati nella visualizzazione. Durante l'analisi, Tableau regola i tipi di join in modo intelligente e mantiene il livello di dettaglio nativo nei dati.
  • Tableau utilizza le relazioni per generare le aggregazioni corrette e i join appropriati durante l'analisi, in base al contesto corrente dei campi in uso in un foglio di lavoro.
  • Sono supportate più tabelle a differenti livelli di dettaglio in un'unica origine dati, pertanto sono necessarie meno origini dati per rappresentare gli stessi dati.
  • I valori delle misure non corrispondenti non vengono eliminati (nessuna perdita accidentale di dati).
  • Evita la duplicazione dei dati e i problemi di filtro che talvolta possono derivare dai join.

Per maggiori informazioni, consulta Correlare i dati, Funzionamento dell'analisi nelle origini dati multi-tabella che utilizzano relazioni e Risoluzione dei problemi relativi all'analisi multi-tabella.

Per informazioni correlate sul funzionamento delle query di relazione, consulta i seguenti post di blog di Tableau:

Cosa non è cambiato?

Il comportamento di analisi delle tabelle singole in Tableau non è cambiato. L'analisi di una singola tabella logica che contiene una combinazione di dimensioni e misure funziona come in Tableau prima della versione 2020.2.

Visualizzazioni solo con dimensioni

Quando usi un'origine dati multi-tabella con tabelle correlate, se crei una visualizzazione solo con dimensioni, Tableau utilizza inner join e non sarà visibile l'intero dominio senza corrispondenza.

Per visualizzare combinazioni parziali dei valori delle dimensioni, puoi procedere come segue:

  • Utilizza Mostra righe/colonne vuote per visualizzare tutte le righe possibili. Fai clic sul menu Analisi, quindi seleziona Layout tabella > Mostra righe vuote o Mostra colonne vuote. Tieni presente che questa impostazione attiverà anche la densificazione per i campi Data e Contenitore numerico, che potrebbe essere indesiderata.
  • Aggiungi una misura alla vista, ad esempio <Tabella>(Conteggio), da una delle tabelle rappresentate nella vista. In questo modo, verranno visualizzati tutti i valori delle dimensioni di tale tabella.

Comportamento dei valori non corrispondenti per le dimensioni che potrebbero sorprendere

Quando crei una visualizzazione che utilizza dimensioni di più tabelle logiche, il comportamento inizialmente può essere sorprendente. Per impostazione predefinita, se le dimensioni in una visualizzazione o gli input di un calcolo a livello di riga utilizzano campi di più tabelle logiche, Tableau visualizzerà solo i risultati in cui tutte le dimensioni hanno valori corrispondenti.

Prendiamo ad esempio un insieme di dati contenente due tabelle logiche, Clienti e Acquisti, in cui alcuni clienti non hanno effettuato acquisti e non hanno righe corrispondenti nella tabella Acquisti. Se introduci la dimensione [Clienti].[Nome cliente], verrà visualizzato un elenco di tutti i clienti, indipendentemente dal fatto che abbiano effettuato o meno un acquisto. Se quindi aggiungi alla visualizzazione la dimensione [Acquisti].[Prodotto], Tableau mostrerà solo i clienti che hanno effettuato acquisti insieme ai prodotti acquistati.

Questo è il comportamento predefinito. Ecco diversi modi in cui puoi utilizzare questo comportamento:

  • Utilizza Mostra righe/colonne vuote per visualizzare tutte le righe possibili e reintrodurre i valori di dimensione non corrispondenti. Fai clic sul menu Analisi, quindi seleziona Layout tabella > Mostra righe vuote o Mostra colonne vuote. Tieni presente che questa impostazione attiverà anche la densificazione per i campi Data e Contenitore numerico, che potrebbe essere indesiderata.
  • Converti una delle dimensioni in una misura. Ad esempio, il passaggio all'utilizzo di COUNT([Acquisti].[Prodotto]) manterrà i clienti senza acquisti e visualizzerà uno "0" per loro. Questo potrebbe non essere un approccio praticabile se desideri visualizzare tutti i prodotti.
  • Porta una misura nella vista dalla tabella con valori non corrispondenti. Ad esempio, l'aggiunta di COUNT([Clienti]) nello spazio Dettagli reintrodurrà i clienti non corrispondenti, pur continuando a mostrare tutti i prodotti.
  • Anziché correlare le due tabelle a livello logico, puoi unirle utilizzando un join esterno a livello fisico, come nelle versioni precedenti di Tableau. Questo approccio mostrerà i valori non corrispondenti, con alcuni effetti collaterali. Verranno sempre eseguite query su entrambe le tabelle, i valori NULL verranno mostrati nelle visualizzazioni e nei filtri rapidi anche quando non vengono utilizzati campi della tabella non corrispondente e sarà necessario scrivere calcoli LOD per rimuovere l'eventuale duplicazione indesiderata introdotta dal join.

Utilizzo del campo Conteggio di una tabella anziché di Numero di record

Il campo Numero di record non verrà più visualizzato nelle origini dati contenenti tabelle logiche. Ogni tabella include un conteggio dei relativi record, in un campo denominato NomeTabella(Conteggio), al livello di dettaglio per tale tabella. Nell'esempio precedente puoi visualizzare Indirizzi(Conteggio),Clienti(Conteggio) e Voci(Conteggio).

CONTEGGIO della tabella = SOMMA del numero di record per la tabella. Non è possibile creare calcoli basati sul campo Conteggio di una tabella. Il conteggio è di sola aggregazione.

Nota: potresti visualizzare il campo Numero di record nel riquadro Dati se apri una cartella di lavoro precedente alla versione 2020.2 che utilizzava Numero di record in una vista.

Calcoli tra tabelle

Puoi scrivere calcoli che interessano più tabelle. Tieni presente che i calcoli tra tabelle utilizzano la semantica di query dei join interni per impostazione predefinita. Il calcolo è basato sul join tra le tabelle logiche a cui fa riferimento. Inoltre, ora è possibile scrivere calcoli a livello di riga tra tabelle che generano join esterni.

I calcoli vengono valutati dopo l'aggiunta di dimensioni NULL, pertanto puoi modificare un valore NULL in un altro elemento utilizzando un calcolo simile a IFNULL([Dimensione], "Mancante").

Totali complessivi che utilizzano SUM

I totali complessivi che utilizzano SUM riflettono il totale effettivo al livello di dettaglio nativo della tabella logica di un campo, anziché il calcolo SUM dei subtotali.

Valori NULL e join automatici risultanti dalle relazioni

In Tableau 2020.2 e versioni successive, durante l'esecuzione di join risultanti da relazioni, Tableau non esegue il join di valori NULL con valori NULL.

Comportamento per i valori NULL non corrispondenti

Quando aggiungi una misura alla vista, viene aggiunto un valore di dimensione NULL quando la misura contiene valori non associati a una dimensione.

Questo comportamento si verifica perché Tableau considera i valori non corrispondenti (o valori di dimensione non associati) come valori NULL reali nell'origine dati sottostante. I valori per entrambi verranno aggregati o filtrati insieme.

Ad esempio, con SUM(Sales),[State] ogni valore State corrispondente rappresenta uno stato. Il relativo calcolo SUM(Sales) è la somma per un singolo stato. Per i valori NULL non corrispondenti, SUM(Sales) può riflettere molti stati.

Se non desideri questo comportamento, puoi pulire i dati per assicurarti che ogni riga nella tabella delle misure corrisponda a una riga nella tabella delle dimensioni. A tale scopo, puoi utilizzare Tableau Prep. In alternativa, all'interno di un foglio, puoi escludere il valore NULL facendo clic su di esso e selezionando Escludi. Dopo questa operazione, puoi modificare la relazione tra la tabella delle misure e la tabella delle dimensioni selezionando Tutti i record corrispondono nelle impostazioni delle opzioni per le prestazioni.

Gestione dei valori NULL non corrispondenti nella finestra di dialogo Modifica filtro

Quando applichi un filtro a una dimensione, le regole per la visualizzazione dei valori NULL sono le seguenti:

  • Nella scheda Generale, puoi includere o escludere in modo esplicito la riga NULL utilizzando la casella di controllo.
  • Nella scheda Carattere jolly, l'impostazione non influirà sulla visualizzazione o meno dei valori NULL (poiché esclude solo i valori di testo e NULL non viene considerato un valore di testo).
  • Nelle schede Condizione o Primi, l'utilizzo di un'impostazione diversa da Nessuno determinerà l'esclusione dello stato "NULL".

Convalida delle relazioni

Sono disponibili diverse opzioni per la convalida del modello di dati per l'analisi. Durante la creazione del modello per l'origine dati, è consigliabile passare a un foglio, selezionare l'origine dati e quindi creare una vista per esplorare i conteggi dei record, i dati previsti, i valori non corrispondenti, i valori Null o i valori delle misure ripetuti. Prova a utilizzare i campi di tabelle diverse per assicurarti che tutti gli elementi si presentino come previsto.

Cosa cercare:

  • Le relazioni nel modello di dati utilizzano i campi corrispondenti corretti per le relative tabelle?
  • L'aggiunta di più coppie di campi corrispondenti renderebbe la relazione più accurata?
  • Quali sono i risultati del trascinamento di dimensioni e misure diverse nella vista da tabelle differenti?
  • Viene visualizzato il numero previsto di righe?
  • Se hai modificato le impostazioni predefinite per le impostazioni delle opzioni per le prestazioni, vengono visualizzati i valori previsti nella vista? In caso contrario, puoi controllare le impostazioni o ripristinare le impostazioni predefinite.

Opzioni per la convalida delle relazioni e del modello di dati:

  • Ogni tabella include un conteggio dei relativi record, in un campo denominato NomeTabella(Conteggio), al livello di dettaglio per tale tabella. Per visualizzare il conteggio per una tabella, trascina il relativo campo Conteggio nella vista. Per visualizzare il conteggio per tutte le tabelle, seleziona il campo Conteggio per ogni tabella nel riquadro Dati e quindi fai clic su Tabella di testo in Mostra.
  • Fai clic su Visualizza dati nel riquadro Dati per visualizzare il numero di righe e dati per ogni tabella. Inoltre, prima di iniziare a creare le relazioni, la visualizzazione dei dati dall'origine dati prima o durante l'analisi può essere utile per avere un'idea dell'ambito di ogni tabella. Per ulteriori informazioni, consulta Visualizzare i dati sottostanti.
  • Trascina le dimensioni in Righe per visualizzare il numero di righe nella barra di stato. Per visualizzare i valori non corrispondenti, fai clic sul menu Analisi, quindi seleziona Layout tabella > Mostra righe vuote o Mostra colonne vuote. Puoi anche trascinare misure diverse nella vista, ad esempio <Tabella>(Conteggio), da una delle tabelle rappresentate nella vista. In questo modo, verranno visualizzati tutti i valori delle dimensioni di tale tabella.

Suggerimento: se desideri visualizzare le query generate per le relazioni, puoi utilizzare la registrazione delle prestazioni in Tableau Desktop.

  1. Fai clic sul menu Guida, quindi seleziona Impostazioni e prestazioni > Avvia registrazione delle prestazioni.
  2. Trascina i campi nella vista per creare la visualizzazione.
  3. Fai clic sul menu Guida, quindi seleziona Impostazioni e prestazioni > Interrompi registrazione delle prestazioni. Verrà aperta automaticamente la cartella di lavoro Registrazione delle prestazioni.
  4. Nella dashboard Riepilogo delle prestazioni, in Eventi ordinati in base al tempo, fai clic su una barra "Esecuzione della query" e visualizza la query sottostante.

Un'altra opzione più avanzata consiste nell'utilizzare il Visualizzatore di log Tableau(Il collegamento viene aperto in una nuova finestra) su GitHub. Puoi applicare filtri in base a una parola chiave specifica utilizzando end-protocol.query. Per altre informazioni, inizia con la pagina wiki del Visualizzatore di log Tableau(Il collegamento viene aperto in una nuova finestra) su GitHub.

Grazie per il tuo feedback.