Le relazioni sono un modo flessibile e dinamico per combinare i dati di più tabelle per l'analisi. Non è necessario definire i tipi di join per le relazioni, quindi non viene visualizzato un diagramma di Venn quando le crei.

Puoi considerare una relazione come un contratto tra due tabelle. Quando si compila una vista con i campi di queste tabelle, Tableau include i dati di queste tabelle utilizzando tale contratto per creare una query con i join appropriati.

  • Nessun tipo di join iniziale. È sufficiente selezionare i campi corrispondenti per definire la relazione (nessun tipo di join). Tableau tenta innanzitutto di creare la relazione in base ai vincoli di chiave esistenti e ai nomi dei campi corrispondenti. Puoi quindi verificare che siano i campi da utilizzare oppure aggiungere altre coppie di campi per definire meglio la modalità di correlazione delle tabelle.
  • Automazione e riconoscimento del contesto. Le relazioni rinviano i join al momento e al contesto dell'analisi. Tableau seleziona automaticamente i tipi di join in base ai campi utilizzati nella visualizzazione. Durante l'analisi, Tableau regola i tipi di join in modo intelligente e mantiene il livello di dettaglio nativo nei dati. Puoi visualizzare le aggregazioni al livello di dettaglio dei campi nella vista senza doverti preoccupare dei join sottostanti. Non è necessario utilizzare espressioni LOD come FIXED per deduplicare i dati nelle tabelle correlate.
  • Flessibilità. Le relazioni possono essere molti-a-molti e supportano i full outer join. La combinazione delle tabelle tramite le relazioni è simile alla creazione di un'origine dati personalizzata e flessibile per ogni vista, il tutto in un'unica origine dati per la cartella di lavoro. Poiché Tableau esegue query solo sulle tabelle necessarie in base ai campi e ai filtri in una vista, puoi creare un'origine dati che può essere utilizzata per un'ampia gamma di flussi di analisi.

Per maggiori informazioni, consulta Correlare i dati(Il collegamento viene aperto in una nuova finestra) e Non temere le relazioni(Il collegamento viene aperto in una nuova finestra).

I join sono comunque disponibili come opzione per combinare i dati. Fai doppio clic su una tabella logica per passare al canvas di join. Per maggiori informazioni, consulta Dove sono i join?

Guarda un video: per un'introduzione all'utilizzo delle relazioni in Tableau, guarda questo video di 5 minuti.

Nota: l'interfaccia per la modifica delle relazioni mostrata in questo video potrebbe essere leggermente diversa dalla versione corrente ma presenta le stesse funzionalità.

Guarda anche i podcast video sulle relazioni di Action Analytics(Il collegamento viene aperto in una nuova finestra), ad esempio Why did Tableau Invent Relationships?(Il collegamento viene aperto in una nuova finestra) Fai clic su "Video Podcast" nella sezione Library(Il collegamento viene aperto in una nuova finestra) per vederne altri.

Per informazioni correlate sul funzionamento delle query di relazione, consulta i seguenti post di blog di Tableau:

Caratteristiche delle relazioni e dei join

Le relazioni sono un modo flessibile e dinamico per combinare i dati di più tabelle per l'analisi. È consigliabile utilizzare le relazioni come primo approccio per combinare i dati perché semplificano e rendono più intuitive la preparazione e l'analisi dei dati. Utilizza i join solo quando è assolutamente necessario(Il collegamento viene aperto in una nuova finestra).

Di seguito sono riportati alcuni vantaggi dell'utilizzo delle relazioni per combinare le tabelle:

  • Semplificano la definizione, la modifica e il riutilizzo dell'origine dati.
  • Semplificano l'analisi dei dati in più tabelle al livello di dettaglio (LOD) corretto.
  • Non richiedono l'utilizzo di espressioni LOD o calcoli LOD per l'analisi a diversi livelli di dettaglio.
  • Eseguono query solo sui dati delle tabelle con i campi utilizzati nella vista corrente.

Relazioni

  • Vengono visualizzate come noodle flessibili tra le tabelle logiche
  • Richiedono di selezionare i campi corrispondenti tra due tabelle logiche
  • Non richiedono di selezionare i tipi di join
  • Rendono potenzialmente disponibili tutti i dati delle righe e delle colonne dalle tabelle correlate nell'origine dati
  • Mantengono il livello di dettaglio di ogni tabella nell'origine dati e durante l'analisi
  • Creano domini indipendenti con più livelli di dettaglio. Le tabelle non vengono riunite nell'origine dati.
  • Durante l'analisi, creano automaticamente i join appropriati in base ai campi in uso.
  • Non duplicano i valori aggregati (quando le opzioni per le prestazioni sono impostate su Molti-a-molti)
  • Mantengono i valori delle misure non corrispondenti (quando le opzioni per le prestazioni sono impostate su Alcuni record corrispondono)

Join

I join sono un modo più statico per combinare i dati. I join devono essere definiti tra le tabelle fisiche in anticipo, prima dell'analisi, e non possono essere modificati senza influire su tutti i fogli che utilizzano l'origine dati. Le tabelle sottoposte a join vengono sempre unite in un'unica tabella. Di conseguenza, talvolta nei dati uniti tramite join mancano valori non corrispondenti o vengono duplicati valori aggregati.

  • Vengono visualizzati con le icone del diagramma di Venn tra le tabelle fisiche
  • Richiedono di selezionare i tipi di join e le clausole di join
  • Le tabelle fisiche sottoposte a join vengono unite in un'unica tabella logica con una combinazione fissa di dati
  • Possono eliminare i valori delle misure non corrispondenti
  • Possono duplicare i valori aggregati quando i campi hanno diversi livelli di dettaglio
  • Supportano gli scenari che richiedono una singola tabella di dati, come i filtri di estrazione e l'aggregazione

Requisiti per l'utilizzo delle relazioni

  • Quando crei una correlazione tra tabelle, i campi che definiscono le relazioni devono avere lo stesso tipo di dati. La modifica del tipo di dati nella pagina Origine dati non modifica questo requisito. Tableau continuerà a utilizzare il tipo di dati nel database sottostante per le query.
  • Non puoi definire relazioni basate su campi geografici.
  • Le relazioni circolari non sono supportate nel modello di dati.
  • Non puoi definire relazioni tra origini dati pubblicate.

Fattori che limitano i vantaggi dell'utilizzo delle tabelle correlate

  • La presenza di dati sporchi nelle tabelle (ovvero, tabelle che non sono state create tenendo presente un modello ben strutturato e contengono una combinazione di misure e dimensioni in più tabelle) può rendere più complessa l'analisi multi-tabella.
  • L'utilizzo di filtri dell'origine dati limiterà la capacità di Tableau di eseguire la selezione per join nei dati. La selezione per join è un'espressione che fa riferimento al modo in cui Tableau semplifica le query rimuovendo i join non necessari.
  • Tabelle con molti valori non corrispondenti tra le relazioni.
  • Interrelazione di più tabelle dei fatti con più tabelle delle dimensioni (tentativo di modellare dimensioni condivise o conformi).

Dove sono i join?

Puoi specificare i join tra le tabelle nel livello fisico di un'origine dati. Fai doppio clic su una tabella logica per passare al canvas di join/unione nel livello fisico e aggiungere join o unioni.

Ogni tabella logica principale contiene almeno una tabella fisica. Apri una tabella logica per visualizzare, modificare o creare join tra le relative tabelle fisiche. Fai clic con il pulsante destro del mouse su una tabella logica, quindi scegli Apri. In alternativa, fai doppio clic sulla tabella per aprirla.

Quando si crea un'origine dati, questa ha due livelli. Il livello superiore è il livello logico dell'origine dati. I dati tra le tabelle del livello logico vengono combinati tramite le relazioni.

Il livello successivo è il livello fisico dell'origine dati. I dati tra le tabelle del livello fisico vengono combinati tramite i join. Per maggiori informazioni, consulta Tabelle logiche e fisiche nel modello di dati(Il collegamento viene aperto in una nuova finestra).

Grazie per il tuo feedback.