Questo argomento descrive le opzioni di configurazione del server Resource Monitoring Tool (server RMT) con l'interfaccia Web.

Configurazioni post-installazione

È possibile aggiornare le configurazioni specificate durante l'installazione.

Di seguito sono riportati i due metodi consigliati per apportare modifiche alla configurazione:

  • Per eseguire questa operazione tramite l'interfaccia Web: nel computer in cui è installato il server RMT, visita l'indirizzo http://<nomehost>/setup/server.

  • Per eseguire questa operazione tramite la riga di comando, utilizza il comando rmtadmin master-setup con l'opzione --skip-admin-creation per assicurarti che non venga richiesto di creare l'utente amministratore dopo l'installazione. Per maggiori informazioni, consulta rmtadmin master-setup.

Nota: i valori di configurazione vengono salvati nel file di configurazione. È possibile apportare modifiche direttamente a questo file, ma è consigliabile sfruttare le opzioni di configurazione disponibili nell'interfaccia utente e tramite l'utilità della riga di comando rmtadmin. Le modifiche al file di configurazione richiederanno l'applicazione di un riavvio.

Ecco alcuni esempi del tipo di aggiornamenti che è possibile eseguire dopo la configurazione iniziale.

  • Modifica della configurazione SSL: la configurazione predefinita è impostata su false. Puoi modificare questa configurazione per richiedere HTTPS. Utilizza il comando rmtadmin master-setup per aggiornare questa impostazione.
  • Aggiornamenti dei certificati SSL: la configurazione iniziale del server RMT potrebbe essere stata completata utilizzando la modalità di certificazione predefinita per le comunicazioni sicure e potresti voler aggiornare la certificazione con un certificato personalizzato.
  • Modifiche delle porte: talvolta è necessario utilizzare numeri di porta diversi da quelli predefiniti in base ai requisiti di rete. Per maggiori informazioni sulle porte e le comunicazioni tra i vari componenti di Resource Monitoring Tool, consulta Porte di comunicazione di Tableau Resource Monitoring Tool.
  • Aggiorna la scadenza della sessione: se l'utente non accede alla sessione per il periodo di timeout impostato, la sessione scadrà e sarà necessario eseguire nuovamente l'accesso. L'impostazione predefinita è 240 minuti. È inoltre possibile abilitare l'opzione Scadenza scorrevole per reimpostare il periodo di timeout quando viene eseguito l'accesso a una sessione entro il periodo di timeout.

Nota: aggiunta o rimozione di un nodo Tableau Server. Se aggiungi un nuovo nodo al cluster Tableau Server che stai monitorando tramite Resource Monitoring Tool, sarà necessario installare e registrare questo nodo. Per maggiori informazioni, consulta Modifiche alla topologia di Tableau Server.

Per eseguire questa operazione tramite la riga di comando, utilizza il comando rmtadmin-master-setup . Per maggiori informazioni, consulta Utilità della riga di comando rmtadmin.

Puoi configurare Resource Monitoring Tool facendo clic su "Configurazione" nel menu Amministratore. Le sezioni di configurazione sono divise per schede. Per configurare con un file di configurazione, consulta File di configurazione del server RMT.

Notifiche

Le notifiche possono essere impostate a livello globale e a livello di ambiente.

Puoi scegliere come desideri ricevere le notifiche: tramite e-mail o Slack oppure sia tramite e-mail che con Slack.

Quanto segue si applica sia alle e-mail che alle notifiche Slack:

Sia le notifiche e-mail che le notifiche Slack possono essere impostate a livello globale e a livello di ambiente. Per inviare eventuali notifiche, devono essere abilitate configurazioni globali, non solo a livello di ambiente. Puoi anche configurare diversi livelli di gravità minima a cui inviare le notifiche: possono essere diversi per e-mail e Slack, nonché a livello globale e di ambiente.

Le configurazioni globali vengono applicate agli ambienti esistenti o a qualsiasi nuovo ambiente creato, a meno che l'ambiente non utilizzi soglie personalizzate.

Impostazioni di notifica per Slack

Le notifiche Slack sono state introdotte nella versione 2022.1 di Resource Monitoring Tool.

Prima di configurare le notifiche Slack in Resource Monitoring Tool, è necessario eseguire alcune impostazioni iniziali in Slack. I dettagli completi sono descritti in questo articolo di Slack, ma qui ci sono le cose principali che dovrai fare:

  1. Creane una nuova o usa un'area di lavoro o un'app Slack esistente e assicurati che sia abilitata a ricevere webhook in entrata.
  2. Autorizza un canale in cui pubblicare le notifiche.
  3. Copia l'URL del webhook generato per la tua area di lavoro.

Per impostare la notifica Slack nel file Resource Monitoring Tool:

  1. Dal menu Amministratore seleziona Configurazione globale.
  2. Nella scheda Notifiche, nella sezione Slack, utilizza il pulsante di attivazione/disattivazione nella parte superiore della sezione per abilitare le notifiche Slack.
  3. Configura le seguenti impostazioni:
    1. Gravità minima: il livello di gravità minimo a cui desideri ricevere le notifiche Slack.

    2. URL webhook: URL dei webhook in entrata per la tua area di lavoro Slack. Questo URL viene generato automaticamente quando abiliti i webhook in entrata per la tua area di lavoro Slack.

  4. Provalo utilizzando il pulsante Invia un messaggio di prova per assicurarti che le impostazioni siano valide e funzionino.

Per specificare le notifiche per ciascun ambiente:

  1. Dal menu Amministratore seleziona l'ambiente che desideri modificare e scegli Modifica ambiente.
  2. Nella scheda Notifiche scegli Personalizzato per il tipo di configurazione che dovrà sovrascrivere le impostazioni globali.
  3. Imposta la gravità minima e l'URL del webhook
  4. Provalo utilizzando il pulsante Invia un messaggio di prova per assicurarti che le impostazioni siano valide e funzionino.

Notifiche e-mail

Per impostare la notifica e-mail, inizia configurando le impostazioni del server SMTP a livello globale. Le impostazioni del server SMTP configurate a livello globale vengono applicate automaticamente a tutti gli ambienti. È possibile personalizzare determinate impostazioni come il livello di gravità minimo e le e-mail del mittente e del destinatario per ciascun ambiente.

Ecco alcuni dettagli tecnici sul funzionamento della configurazione di TLS:

  • Il server RMT utilizza l'opzione SMTP STARTTLS, che aggiorna la connessione SMTP a TLS dopo che è stata avviata, ma prima che venga inviato il contenuto dei messaggi di posta. RMT non supporta l'opzione SMTP REQUIRETLS.
  • Il server RMT utilizza STARTTLS per crittografare la posta in transito verso il server SMTP. L'archiviazione o meno della posta crittografata inattiva nel server SMTP dipende dalla configurazione del server SMTP.

Prima di poter configurare le notifiche e-mail nel Resource Monitoring Tool , è necessario disporre di un server SMTP configurato e disporre delle seguenti informazioni:

  • Nome del server SMTP.
  • Se prevedi di utilizzare comunicazioni crittografate, prendi nota della versione TLS accettata dal server SMTP. Attualmente, TLS 1.2 è richiesto da Resource Monitoring Tool e TLS 1.3 è supportato.
  • L'identificazione personale del certificato (facoltativo).
  • Numero di porta per il server SMTP.
  • Nome utente e password (facoltativo). Necessario solo se il server SMTP è configurato per l'autenticazione utilizzando un nome utente e una password.
  • Indirizzi e-mail del mittente e del destinatario che verranno utilizzati per inviare e ricevere notifiche.

Per specificare le impostazioni del server SMTP nel Resource Monitoring Tool :

  1. Dal menu Amministratore seleziona Configurazione globale.
  2. Nella scheda Notifiche, nella sezione E-mail, seleziona il pulsante di attivazione/disattivazione nella parte superiore delle sezioni per abilitare le notifiche e-mail.

    1. Configura le seguenti impostazioni del server SMTP:

      1. Server: fornire il nome DNS completo del server SMTP.

      2. Crittografia: specificare se si desidera crittografare le comunicazioni tra il server RMT e il server SMTP. L'opzione scelta dipenderà dalla configurazione del server SMTP per la crittografia e dalla preferenza per l'utilizzo di comunicazioni crittografate tra il server RTM e il server SMTP.

        1. Richiesto: utilizza questa opzione quando il server SMTP è abilitato all'utilizzo delle comunicazioni crittografate e desideri assicurarti che le comunicazioni siano sempre crittografate. Se impostato su Richiesto, la connessione verrà sempre effettuata utilizzando la crittografia. Se il server SMTP non è abilitato all'utilizzo della crittografia, il server RMT non sarà in grado di comunicare con il server SMTP.
        2. Preferito: utilizzalo se non sei sicuro delle impostazioni di crittografia del tuo server SMTP, ma preferisci che le comunicazioni crittografate vengano utilizzate quando possibile. Se il server SMTP non è abilitato all'utilizzo della crittografia, in questo caso viene utilizzata la comunicazione non crittografata.
        3. Disabilitato: utilizzalo se il tuo SMTP non è abilitato all'utilizzo delle comunicazioni crittografate. Le comunicazioni tra il server RMT e il server SMTP non sono crittografate.

          Nota: se il server SMTP richiede la crittografia, la connessione avrà esito negativo. Se il server SMTP è abilitato per la crittografia ma non la richiede, la connessione avrà esito positivo.

        4. Opzioni: determina come verrà verificato il server SMTP. Hai le seguenti opzioni:

          1. Verifica identità server: RMT verificherà se il nome del certificato utilizzato corrisponde al nome del server SMTP. Se non c'è corrispondenza, la connessione avrà esito negativo.

          2. Considera attendibili tutti gli host: tutti gli errori di certificato vengono ignorati e sovrascrivono l'identità del server rilevata con la verifica. Questo dovrebbe essere utilizzato solo se sei sicuro che il certificato utilizzato dal server RMT provenga dal tuo server.

        5. Versione TLS: la versione di TLS supportata dal server SMTP. È già selezionata una versione predefinita, ma è possibile selezionare altre versioni. Se vengono selezionate più versioni TLS, il server RMT utilizzerà la versione più sicura compatibile con il server RMT e il server SMTP. TLS versione 1.3 richiede Open SSL 1.1.1f. Se prevedi di utilizzare TLS 1.3, assicurati che la macchina su cui è installato il server RMT disponga di Open SSL 1.1.1f.

        6. Identificazione personale del certificato: questa impostazione è facoltativa. Il certificato SHA1 viene utilizzato quando fornito e deve essere valido e utilizzato dal server SMTP. Un'identificazione personale valida sovrascriverà altri errori di certificato come date di scadenza e mancata corrispondenza del nome del server.

        7. Porta: impostazioni della porta per il server e-mail.
        8. Nome utente: facoltativo. Il nome dell'account utilizzato per l'autenticazione sul server e-mail, se il server SMTP è configurato con un nome utente e una password per l'autenticazione.

        9. Password: facoltativa. La password per l'account utilizzato per l'autenticazione sul server e-mail, se il server SMTP è configurato con nome utente e password per l'autenticazione.
        10. Gravità minima: il livello di gravità minimo a cui desideri ricevere le notifiche e-mail. Questo verrà applicato a tutti gli ambienti, a meno che non venga modificato a livello di ambiente.

        11. E-mail mittente: l'indirizzo e-mail utilizzato per inviare le notifiche. Questo verrà applicato a tutti gli ambienti, a meno che non venga modificato a livello di ambiente.
        12. E-mail del destinatario: indirizzi e-mail delle persone che dovrebbero ricevere queste notifiche. Questo verrà applicato a tutti gli ambienti, a meno che non venga modificato a livello di ambiente.

        13. Provalo utilizzando il pulsante Invia un messaggio di prova per assicurarti che le impostazioni siano valide e possano essere utilizzate per inviare correttamente una notifica e-mail.

Per personalizzare le impostazioni per un ambiente:

  1. Dal menu Amministratore seleziona l'ambiente che desideri modificare e scegli Modifica ambiente.
  2. Nella scheda Notifiche scegli Personalizzato per il tipo di configurazione che dovrà sovrascrivere le impostazioni globali.

  3. Imposta le informazioni su livello di gravità, mittente ed e-mail del destinatario.
  4. Provalo utilizzando il pulsante Invia un messaggio di prova per assicurarti che le impostazioni siano valide e tu sia in grado di inviare correttamente una notifica e-mail.

Risolvere i problemi relativi alle connessioni

Gli errori di connessione possono verificarsi per vari motivi, ma eccone alcuni che potrebbero essere causati da problemi di configurazione:

  • Errori di impostazione della crittografia: si verifica in caso di mancata corrispondenza delle impostazioni di crittografia tra il server RMT e il server SMTP. Ad esempio, se il server RMT è impostato per richiedere la crittografia, ma il server SMTP non è configurato per utilizzare la crittografia. È vero anche il contrario. Se il server SMTP richiede una comunicazione crittografata e il server RMT è impostato per disabilitare la crittografia, la connessione avrà esito negativo.
  • Errori del certificato: quando si utilizzano comunicazioni crittografate, vengono presi in considerazione elementi come l'autorità della certificazione e la corrispondenza tra il nome del certificato e il server SMTP, a meno che non si scelga di considerare attendibili tutti gli host in modo esplicito in Opzioni.
  • Errori TLS: il supporto della versione TLS dipende dal sistema operativo (OS) su cui è installato il server RMT. Verifica se la versione TLS selezionata è supportata dal sistema operativo. È richiesto TLS 1.2, ma è supportato anche TSL 1.3. TLS 1.3 richiede Open SSL 1.1.1f o versioni successive. Assicurati che Open SSL 1.1.1f sia presente sul computer su cui è installato il server RMT.

Soglie incidenti

Configura le impostazioni globali di notifica degli incidenti. Queste soglie globali si applicano per impostazione predefinita a tutti gli ambienti, a meno che non siano sovrascritte dai singoli ambienti.

Vedi Eventi imprevisti per informazioni sulle opzioni disponibili e su come configurarle.

Sicurezza

Configura le impostazioni di sicurezza per gli account utente Resource Monitoring Tool.

Dati

Per impostazione predefinita, Resource Monitoring Tool memorizza due settimane di dati di attività dettagliati e dieci anni di dati di reporting aggregati.

Conservazione dei dati: i dati dettagliati sulle attività di Tableau Server alimentano le dashboard e gli incidenti per la diagnosi dei recenti incidenti delle prestazioni. A causa dei relativi requisiti di memorizzazione ed elaborazione, questi dati vengono memorizzati per impostazione predefinita solo per due settimane.

Segnalazione dei dati: i dati aggregati delle attività di Tableau Server vengono memorizzati a scopo di reporting (ad esempio, il report di Chargeback). Questi dati sono compatti e possono essere facilmente archiviati per molti anni di reporting storico.

Avanzate

Consente la configurazione dei livelli di registrazione diagnostica Resource Monitoring Tool.

Per ulteriori informazioni sulla registrazione, vedi File di log.

Chi può farlo

Amministratore di Resource Monitoring Tool o un utente di Resource Monitoring Tool con ruolo Gestione server/ambiente.

Grazie per il tuo feedback.