Questo articolo illustra le funzioni stringa e i relativi utilizzi in Tableau. Mostra anche come creare un calcolo stringa attraverso un esempio.

Perché utilizzare le funzioni stringa

Le funzioni stringa ti consentono di utilizzare i dati stringa (ossia i dati di testo).

Ad esempio, potresti avere un campo contenente i nomi e i cognomi di tutti i tuoi clienti. Un membro può essere: Jane Johnson. Puoi estrarre i cognomi di tutti i clienti in un nuovo campo utilizzando una funzione stringa.

Il calcolo potrebbe presentarsi in questo modo:

SPLIT([Customer Name], ' ', 2)

Pertanto, SPLIT('Jane Johnson' , ' ', 2) = 'Johnson'.

Funzioni stringa disponibili in Tableau:

Funzione

Sintassi

Definizione

ASCII

ASCII(string)

Restituisce il codice ASCII per il primo carattere di string.

Esempio:

ASCII('A') = 65

CHAR

CHAR(number)

Restituisce il carattere codificato dal codice ASCII number.

Esempio:

CHAR(65) = 'A'

CONTAINS

CONTAINS(string, substring)

Restituisce true se la stringa data contiene la sottostringa specificata.

Esempio:

CONTAINS(“Calculation”, “alcu”) = true

ENDSWITH

ENDSWITH(string, substring)

Restituisce true se la stringa data termina con la sottostringa specificata. Gli spazi bianchi finali vengono ignorati.

Esempio:

ENDSWITH(“Tableau”, “leau”) = true

FIND

FIND(string, substring, [start])

Restituisce la posizione dell'indice di substring in string, oppure 0 se substring non viene trovata. Se viene aggiunto l'argomento opzionale start, la funzione ignora qualsiasi istanza di substring che appare prima della posizione dell'indice start. Il primo carattere della stringa è la posizione 1.

Esempi:

FIND("Calculation", "alcu") = 2
FIND("Calculation", "Computer") = 0
FIND("Calculation", "a", 3) = 7
FIND("Calculation", "a", 2) = 2
FIND("Calculation", "a", 8) = 0
FIND("Calculation", "a", 3) = 7
FIND("Calculation", "a", 2) = 2
FIND("Calculation", "a", 8) = 0

FINDNTH

FINDNTH(string, substring, occurrence)

Restituisce la posizione dell'occorrenza n della sottostringa all'interno della stringa specificata, dove n è definito dall'argomento dell'occorrenza.

Nota: FINDNTH non è disponibile per tutte le origini dati.

Esempio:

FINDNTH("Calculation", "a", 2) = 7

LEFT

LEFT(string, number)

Restituisce il numero di caratteri più a sinistra della stringa.

Esempio:

LEFT("Matador", 4) = "Mata"

LEN

LEN(string)

Restituisce la lunghezza della stringa.

Esempio:

LEN("Matador") = 7

LOWER

LOWER(string)

Restituisce string, con tutti i caratteri minuscoli.

Esempio:

LOWER("ProductVersion") = "productversion"

LTRIM

LTRIM(string)

Restituisce la stringa con gli eventuali spazi iniziali rimossi.

Esempio:

LTRIM(" Matador ") = "Matador "

MAX

MAX(a, b)

 

Restituisce il massimo di a e b (che devono essere dello stesso tipo). Questa funzione viene solitamente utilizzata per confrontare i numeri, ma funziona anche con le stringhe. Con le stringhe, MAX permette di trovare il valore più alto nella sequenza di ordinamento definita dal database per quella colonna. Restituisce Null se uno dei due argomenti è Null.

Esempio:

MAX ("Apple","Banana") = "Banana"

MID

(MID(string, start, [length])

Restituisce la stringa a partire dalla posizione dell'indice start. Il primo carattere della stringa è la posizione 1. Se viene aggiunto l'argomento opzionale length, la stringa restituita include solo quel numero di caratteri.

Esempi:

MID("Calculation", 2) = "alculation"
MID("Calculation", 2, 5) ="alcul"

MIN

MIN(a, b)

Restituisce il minimo di a e b (che devono essere dello stesso tipo). Questa funzione viene solitamente utilizzata per confrontare i numeri, ma funziona anche con le stringhe. Con le stringhe, MIN consente di trovare il valore più basso nella sequenza di ordinamento. Restituisce Null se uno dei due argomenti è Null.

Esempio:

MIN ("Apple","Banana") = "Apple"

REPLACE

REPLACE(string, substring, replacement)

Cerca in string provare substring e la sostituisce con replacement. Se substring non viene trovata, la stringa rimane inalterata.

Esempio:

REPLACE("Version8.5", "8.5", "9.0") = "Version9.0"

RIGHT

RIGHT(string, number)

Restituisce il numero di caratteri più a destra in string.

Esempio:

RIGHT("Calculation", 4) = "tion"

RTRIM

RTRIM(string)

Restituisce string con gli eventuali spazi finali rimossi.

Esempio:

RTRIM(" Calculation ") = " Calculation"

SPACE

SPACE(number)

Restituisce una stringa composta dal number specificato di spazi ripetuti.

Esempio:

SPACE(1) = " "

SPLIT

SPLIT(string, delimiter, token number)

Restituisce una sottostringa da una stringa, usando un carattere delimitatore per dividere la stringa in una sequenza di token.

La stringa è interpretata come una sequenza alternata di delimitatori e token. Quindi per la stringa abc-defgh-i-jkl, dove il carattere delimitatore è '-', i token sono abc, defgh, i e jlk. Considerali come i token da 1 a 4. SPLIT restituisce il token corrispondente al numero del token. Quando il numero di token è positivo, i token sono contati a partire dall'estremità sinistra della stringa; quando il numero di token è negativo, i token sono contati a partire da destra.

Esempi:

SPLIT (‘a-b-c-d’, ‘-‘, 2) = ‘b’
SPLIT (‘a|b|c|d’, ‘|‘, -2) = ‘c’


Nota: i comandi di divisione e di divisione personalizzata sono disponibili per i tipi di origini dati seguenti: estratti di dati di Tableau, Microsoft Excel, file di testo, file PDF, Salesforce, OData, Microsoft Azure Market Place, Google Analytics, Vertica, Oracle, MySQL, PostgreSQL, Teradata, Amazon Redshift, Aster Data, Google Big Query, Cloudera Hadoop Hive, Hortonworks Hive e Microsoft SQL Server.

Alcune origini dati impongono limiti alla stringa di divisione. La tabella seguente indica quali origini dati supportano i numeri di token negativi (divisione da destra) e se esiste un limite al numero di divisioni consentite per origine dati. Una funzione SPLIT che specifica un numero di token negativo e che sarebbe consentita con altre origini dati, con le origini dati seguenti restituirà questo errore: "Splitting from right is not support by the data source" (La divisione da destra non è supportata dall'origine dati).

 

Origine dati Vincoli a sinistra/destra Numero massimo di divisioni Limiti di versione
Estratto di dati di Tableau Entrambi Infinito  
Microsoft Excel Entrambi Infinito  
File di testo Entrambi Infinito  
Salesforce Entrambi Infinito  
OData Entrambi Infinito  
Google Analytics Entrambi Infinito  
Server di dati Tableau Entrambi Infinito Supportato nella versione 9.0.
Vertica Solo a sinistra 10  
Oracle Solo a sinistra 10  
MySQL Entrambi 10  
PostgreSQL A sinistra solo prima della versione 9.0; entrambi per la versione 9.0 e superiori. 10  
Teradata Solo a sinistra 10 Versione 14 e successive
Amazon Redshift Solo a sinistra 10  
Aster Database Solo a sinistra 10  
Google BigQuery Solo a sinistra 10  
Hortonworks Hadoop Hive Solo a sinistra 10  
Cloudera Hadoop Solo a sinistra 10 Impala supportato a partire dalla versione 2.3.0.
Microsoft SQL Server Entrambi 10 2008 e successive.

STARTSWITH

STARTSWITH(string, substring)

Restituisce true se string inizia con substring. Gli spazi bianchi iniziali vengono ignorati.

Esempio:

STARTSWITH(“Joker”, “Jo”) = true

TRIM

TRIM(string)

Restituisce la stringa con gli spazi iniziali e finali rimossi.

Esempio:

TRIM(" Calculation ") = "Calculation"

UPPER

UPPER(string)

Restituisce la stringa con tutti i caratteri in maiuscolo.

Esempio:

UPPER("Calculation") = "CALCULATION"


Creare un calcolo stringa

Per informazioni su come creare un calcolo stringa, segui i passaggi seguenti.

  1. In Tableau Desktop, connettiti all'origine dati salvata Sample - Superstore, fornita con Tableau.

  2. Passa a un foglio di lavoro.

  3. Dal riquadro Dati, sotto Dimensioni, trascina ID ordine sullo spazio Righe.

    Tieni presente che ogni ID ordine contiene valori per paese (Canada e Stati Uniti), anno (2011) e numero ordine (100006). In questo esempio, creerai un calcolo per estrarre solo il numero ordine dal campo.

  4. Seleziona Analisi > Crea campo calcolato.

  5. Nell'editor di calcolo che si apre, esegui le seguenti operazioni:

    • Denomina il campo calcolato Numeri ID ordine.

    • Immetti la seguente formula:

      RIGHT([Order ID], 6)

      Questa formula prende le cifre specificate (6) a destra della stringa e le estrae in un nuovo campo.

      Pertanto, RIGHT('CA-2011-100006' , 6) = '100006'.

    • Al termine, fai clic su OK.

      Visualizzerai il nuovo campo calcolato sotto Dimensioni nel riquadro Dati. Proprio come gli altri campi, puoi utilizzarlo in una o più visualizzazioni.

  6. Dal riquadro Dati, trascina Numeri ID ordine sullo spazio Righe. Posizionalo a destra di ID ordine.

    Nota come i campi differiscono adesso.

Vedi anche

Funzioni in Tableau

Funzioni di Tableau (in ordine alfabetico)

Funzioni di Tableau (per categoria)

Formattazione dei calcoli in Tableau

Grazie per il tuo feedback.