Google BigQuery

Questo articolo descrive come connettere Tableau a Google BigQuery e impostare l'origine dati.

Prima di iniziare

Prima di iniziare, raccogli queste informazioni di connessione:

  • E-mail o telefono e password di Google BigQuery

Effettuare la connessione e impostare l'origine dati

  1. Avvia Tableau e in Connetti, seleziona Google BigQuery. Per un elenco completo delle connessioni dati, seleziona Altro in A un server. Se la scheda Tableau si apre nel browser predefinito, procedi come segue:

    1. Accedi a Google BigQuery utilizzando il tuo indirizzo e-mail o telefono, quindi seleziona Avanti per immettere la password. Se sono elencati più account, seleziona l'account che contiene i dati Google BigQuery a cui desideri accedere e inserisci la password, se non hai già effettuato l'accesso.

    2. Seleziona Accetta per permettere a Tableau di accedere ai dati di Google BigQuery.

    3. Chiudi la finestra del browser quando ti viene richiesto.

  2. Nella pagina dell'origine dati, esegui le seguenti operazioni:

    1. (Facoltativo) Seleziona il nome dell'origine dati predefinita nella parte superiore della pagina, quindi immetti un nome univoco per l'origine dati da utilizzare in Tableau. Ad esempio, utilizza un nome dell'origine dati convenzionale che aiuti gli altri utenti a capire a quale origine dati collegarsi.

    2. (Facoltativo) Dall'elenco a discesa Progetto di fatturazione, seleziona un progetto di fatturazione. Se non selezioni un progetto di fatturazione, nel campo viene visualizzato EmptyProject dopo aver selezionato i campi rimanenti.

    3. Dall'elenco a discesa Progetto, seleziona un progetto. In alternativa, seleziona publicdata per connetterti ai dati di esempio in BigQuery.

    4. Dall'elenco a discesa Set di dati, seleziona un set di dati.

    5. In Tabella, seleziona una tabella.

      Utilizza una query SQL personalizzata per connetterti a una query specifica piuttosto che all'intera origine dati. Per ulteriori informazioni, consulta Connettersi a una query SQL personalizzata.

Note:
- Google BigQuery ha modificato il supporto da BigQuery Legacy SQL (BQL) a SQL standard. Le cartelle di lavoro verranno aggiornate al supporto standard SQL quando le aprirai in Tableau.
- A causa dei grandi volumi di dati di BigQuery, Tableau consiglia la connessione live.

Utilizzare gli attributi di personalizzazione per migliorare le prestazioni delle query

Nota: gli attributi di personalizzazione non sono attualmente supportati in Tableau Prep Builder.

È possibile utilizzare gli attributi di personalizzazione per migliorare le prestazioni di set di risultati di grandi dimensioni restituiti da BigQuery a Tableau Online e Tableau Server e a Tableau Desktop.

Puoi includere gli attributi di personalizzazione nella tua cartella di lavoro pubblicata o nell'origine dati, purché tu specifichi gli attributi prima di pubblicare la cartella di lavoro o l'origine dati su Tableau Online o su Tableau Server.

Usare attributi di personalizzazione Google BigQuery

Gli attributi di personalizzazione accettano i valori interi e influiscono sia sulle query live che sugli aggiornamenti di estrazione per la connessione specificata.

Gli attributi seguenti offrono il supporto migliore per incrementare le prestazioni di set di risultati di grandi dimensioni:

bq-fetch-tasks Numero di attività in background parallele da utilizzare durante il recupero dei dati tramite HTTP. Il valore predefinito è 10.
bq-large-fetch-rows

Numero di righe da recuperare in ogni batch per le query di spool. Il valore predefinito è 50000.

I seguenti attributi sono inoltre disponibili e vengono utilizzati principalmente per le query di piccole dimensioni:

bq-fetch-rows Numero di righe da recuperare in ogni batch per le query non di spool. Il valore predefinito è 10000.
bq-response-rows Numero di righe restituite nelle query non di batch non di spool. Il valore predefinito è 10000.

Questa impostazione di funzionalità accetta i valori Yes o No e può essere utile durante i test:

CAP_BIGQUERY_FORCE_SPOOL_JOB Forza tutte le query per utilizzare l'approccio tabella temp. Il valore predefinito è "No". Imposta il valore su "Yes" per attivare l'attributo.

Come Tableau restituisce le righe da Google BigQuery

Tableau utilizza due approcci per restituire le righe da BigQuery: l'approccio predefinito non di spool o l'approccio della tabella temporanea (spool):

  • Al primo tentativo, le query vengono eseguite utilizzando la query predefinita non di spool, che utilizza l'impostazione bq-fetch-rows.

  • Se il set risultante è troppo grande, l'API BigQuery restituisce un errore e il connettore Tableau BigQuery tenta di rieseguire la query salvando i risultati in una tabella temporanea BigQuery. Il connettore BigQuery legge quindi da quella tabella temporanea, che è un processo di spool che utilizza l'impostazione bq-large-fetch-rows.

Come specificare gli attributi

È possibile specificare gli attributi in uno dei due modi seguenti: in un file di personalizzazione origine dati di Tableau .tdc oppure nella cartella di lavoro o nell'origine dati XML.

Specificare gli attributi in un file .tdc

Per specificare gli attributi di personalizzazione durante un'operazione di pubblicazione della cartella di lavoro dell'origine dati da Tableau Desktop, esegui la procedura seguente:

  1. Crea un file XML contenente gli attributi di personalizzazione.

  2. Salva il file con un'estensione .tdc , ad esempio BigQueryCustomization.tdc

  3. Salva il file nella cartella My Tableau Repository\Datasources.

Gli attributi di personalizzazione nel file .tdc sono letti e inclusi da Tableau Desktop quando l'origine dati o la cartella di lavoro vengono pubblicate su Tableau Online o Tableau Server.

Importante: Tableau non testa o supporta i file TDC. Questi file dovrebbero essere utilizzati come strumento per esplorare o, occasionalmente, risolvere problemi con la connessione dati. La creazione e la manutenzione dei file TDC richiede un'attenta modifica manuale e non vi è alcun supporto per la loro condivisione.

Esempio di un file con estensione .tdc con impostazioni consigliate per estrazioni di grandi dimensioni
<connection-customization class='bigquery' enabled='true' version='8.0' >
  <vendor name='bigquery' />
  <driver name='bigquery' />
  <customizations>
    <customization name='bq-fetch-tasks' value='10' />
    <customization name='bq-large-fetch-rows' value='10000' />
  </customizations>
</connection-customization>

Incorporare manualmente nel file XML gli attributi della cartella di lavoro o del file di origine dati

È possibile incorporare manualmente gli attributi di personalizzazione nel tag 'connection' del file .twb o del file .tds dell'origine dati. Gli attributi di personalizzazione BigQuery sono in grassetto nell'esempio seguente in modo da facilitarne la visualizzazione.

Esempio di attributi incorporati manualmente

<connection CATALOG='publicdata' EXECCATALOG='some-project-123' REDIRECT_URI='some-url:2.0:oob' SCOPE='https://www.googleapis.com/auth/bigquery https://www.googleapis.com/auth/userinfo.profile https://www.googleapis.com/auth/userinfo.email' authentication='yes' bq-fetch-tasks='10' bq-large-fetch-rows='10000' bq_schema='samples' class='bigquery' connection-dialect='google-bql' connection-protocol='native-api' login_title='Sign in to Google BigQuery' odbc-connect-string-extras='' project='publicdata' schema='samples' server='googleapis.com/bigquery' server-oauth='' table='wikipedia' username=''>

Verificare se la cartella di lavoro utilizza SQL standard o SQL legacy

Nel 2016, Google ha aggiornato le API BigQuery per supportare SQL standard, oltre a SQL BigQuery (ora chiamata SQL legacy). A partire da Tableau 10.1, il connettore di Google BigQuery è stato aggiornato per supportare SQL standard, risultando ancora compatibile con SQL legacy. SQL Standard consente agli utenti del connettore BigQuery di utilizzare espressioni Level of Detail, di ottenere una convalida dei metadati più rapida e di selezionare un progetto di fatturazione con la connessione.

Adesso, al momento di creare una nuova cartella di lavoro, Tableau supporta SQL standard per impostazione predefinita. Tableau supporta inoltre SQL legacy utilizzando l'opzione Usa SQL legacy nel riquadro Dati. Ad esempio, quando apri una cartella di lavoro creata utilizzando una versione precedente di Tableau Desktop, se questa utilizza SQL legacy, verrà selezionata l'opzione Usa SQL legacy.

È possibile configurare l'opzione Usa SQL legacy per i motivi seguenti:

  • Disponi di una cartella di lavoro esistente che desideri aggiornare per utilizzare SQL standard al fine di scrivere espressioni Level of Detail o per sfruttare gli altri miglioramenti. In questo caso, verifica che l'opzione Usa SQL legacy non sia selezionata.

  • Stai creando una nuova cartella di lavoro che deve connettersi a una vista SQL legacy. Non è possibile combinare SQL legacy con SQL standard, pertanto è necessario selezionare l'opzione Usa SQL legacy per consentire il funzionamento della cartella di lavoro.

In Google BigQuery le viste sono scritte in SQL standard o SQL legacy. È possibile creare un join delle viste scritte in SQL standard con altre viste scritte in SQL standard oppure un join delle viste scritte in SQL legacy con altre viste scritte in SQL legacy ed è inoltre possibile creare il join con una tabella delle viste scritte in entrambe le versioni di SQL. Non è tuttavia possibile creare un join delle viste scritte in SQL standard e delle viste scritte in SQL legacy in una cartella di lavoro. Quando crei un join delle viste, devi impostare la casella di controllo Usa SQL legacy affinché corrisponda al tipo di SQL utilizzato nella vista a cui ti connetti.

Nota: Tableau Desktop offre supporto limitato per i dati nidificati quando utilizzi SQL legacy o SQL standard. Se ad esempio una tabella contiene dati nidificati e utilizzi SQL legacy o SQL standard nella pagina dell'origine dati, la funzione Aggiorna adesso non darà alcun risultato.

Per maggiori informazioni sulla migrazione da SQL legacy a SQL standard, consulta Migrating from legacy SQL(Link opens in a new window) nel sito Web di Google Cloud Platform.

Risoluzione dei problemi relativi a Google BigQuery

Connessioni a più account

Quando utilizzi il Web authoring o la pubblicazione sul Web, non è possibile usare più account di Google BigQuery nella stessa cartella di lavoro. In Desktop è possibile disporre di più connessioni di account Google BigQuery.

Durante la pubblicazione dei flussi, le credenziali che utilizzi per connetterti a Google BigQuery nella fase di input devono corrispondere alle credenziali impostate nella scheda Impostazioni nella pagina Impostazioni account personale per Google BigQuery in Tableau Server o Tableau Online. Se selezioni credenziali diverse o nessuna credenziali nell'impostazione di autenticazione durante la pubblicazione del flusso, il flusso avrà esito negativo con un errore di autenticazione finché non si modifica la connessione per il flusso in Tableau Server o Tableau Online in modo che corrisponda a tali credenziali.

Web authoring con Internet Explorer 11 ed Edge

In Internet Explorer 11 ed Edge non è possibile accedere a un server utilizzando una connessione non protetta (http). Utilizza una connessione protetta (https) o cambia browser.

Vedi anche

Grazie per il tuo feedback. Si è verificato un errore durante l'invio del feedback. Riprova o scrivici.